Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Una Riscossione con vigilanza

Un organismo di vigilanza valuterà le segnalazioni su violazioni del modello di gestione e controllo sui rischi della nuova Agenzia della riscossione (Aer). La nuova Equitalia rinnova dunque il modello 231 con determinazione n. 17 del 30 giugno 2017 e all’indomani dell’incorporazione nell’Agenzia delle entrate continua il processo di aggiornamento e riorganizzazione.

In particolare l’ organismo di vigilanza (Odv) dovrà essere informato dai soggetti tenuti all’osservanza del modello (chi riveste ruoli di rappresentanza, amministrazione, direzione e i collaboratori sottoposti a direzione o vigilanza delle figure apicali) in merito ad eventi che potrebbero determinare la responsabilità dell’ente. I flussi informativi saranno di quattro tipi: le segnalazioni, da formulare in forma scritta, hanno ad oggetto ogni violazione o sospetto di violazione del modello; le schede di evidenza, contenenti l’attestazione semestrale da parte di ciascun responsabile di direzione centrale; i flussi informativi specifici, contenuti all’interno dei protocolli 231 e che dovranno essere trasmessi dagli specifici responsabili secondo le tempistiche ad hoc; le informazioni rilevanti che dovranno essere trasmesse dalle competenti strutture, già tenute alla trasmissione delle schede di evidenza, al verificarsi del singolo evento

Gli atti a cui prestare attenzione sono quelli in materia penale, ispettiva e/o tributaria diretti al vertice, ai dipendenti, ai consulenti o che comunque coinvolgono e possono coinvolgere in dette materie l’ente; provvedimenti e/o notizie provenienti da organi di polizia giudiziaria, o da qualsiasi altra autorità, dai quali si evinca lo svolgimento di attività di indagine per i reati; segnalazioni inoltrate all’ente dai dipendenti in caso di avvio di procedimento giudiziario a loro carico; rapporti predisposti dalle strutture interne nell’ambito della loro attività di controllo, dai quali possano emergere fatti, atti, eventi od omissioni con profili di criticità rispetto alle norme del decreto; l’informativa relativa all’avvio di indagini dirette ad appurare ed eventualmente sanzionare il mancato rispetto dei principi di comportamento e dei protocolli nonché le violazioni del codice etico; le notizie relative a cambiamenti organizzativi rilevanti; gli aggiornamenti del sistema delle deleghe e dei poteri.

Il modello sarà soggetto a revisione annuale.

Completato il passaggio del personale

Sul fronte del personale il 30 giugno le sigle sindacali dei dipendenti Equitalia hanno intanto diffuso una nota in cui comunicano di aver chiuso il verbale sul passaggio del personale, con il quale viene ribadita l’importanza di riconoscere e valorizzare le professionalità maturate, i compiti espletati, l’inquadramento e il ruolo riconosciuti. Sono previsti, scrivono le quattro sigle Fabi, FirstCisl, CgilFisac, Uilca, ulteriori momenti di verifica al fine di verificare gli effetti della riorganizzazione effettuata e di armonizzare gli orari di lavoro all’interno del perimetro del nuovo ente al fine di omogeneizzare la diversa flessibilità.

Cristina Bartelli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con un’accelerazione tipica delle fasi critiche il sistema bancario sta ridefinendo la sua nuova g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Siamo poco in ritardo » nella stesura del Recovery Plan italiano. Il premier Giuseppe Conte ammet...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre anni di pressoché continua crescita di dividendi globali andati in fumo in un colpo solo, in qu...

Oggi sulla stampa