Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Un taglio alle commissioni bancomat

L’Italia, su impulso dell’Ue, riduce le commissioni interbancarie sui pagamenti elettronici come bancomat e carte di credito. Ma il provvedimento del consiglio dei ministri trova qualche scetticismo fra le associazioni dei commercianti, che sottolineano come non ci siano tagli diretti a carico delle imprese. Lungi dal toccare il nodo politicamente caldo delle sanzioni per gli esercizi commerciali che rifiutano il pagamento tramite Pos – l’attuazione sarebbe arenata al ministero dell’Economia e dunque rimane un obbligo senza sanzioni, disapplicato – il decreto legge dà un taglio sostanziale alle commissioni interbancarie, di fatto uniformandosi ai dettami europei che finora erano ampiamente sforati. Si passa da una media dello 0,50% a un tetto dello 0,20% del valore della transazione per carte di debito e prepagate, e da una media dello 0,70% a un tetto dello 0,30% per le carte di credito.
Le commissioni sono solo una parte della «catena» dei costi e – come sottolinea Confesercenti – «non riguarda le commissioni pagate dagli esercenti che accettano pagamenti con il Pos. L’intervento non riguarda dunque direttamente gli utenti finali e si rivelerà un fatto positivo solo se il beneficio si trasmetterà alle imprese e ai consumatori». Resta il fatto – come spiega Sergio Boccadutri, deputato PD responsabile per l’innovazione e relatore in commissione finanze per il provvedimento – che le banche non potranno più appellarsi agli alti costi sul canale interbancario. E soprattutto che la maggior concorrenza dovuta a prestatori non bancari di servizi dovrebbe mettere sotto pressione i prezzi, a vantaggio dei consumatori. «Le commissioni interbancarie sono i due terzi dell’intera commissione», sottolinea Boccadutri.
Tiepido plauso da Confcommercio, che sul tema della diffusione dei pagamenti elettronici lamenta «luoghi comuni e facili strumentalizzazioni» dal momento che «in Italia il numero di Pos istallati è di 2,2 milioni, rispetto a 1,5 milioni in Francia e 1,2 milioni in Germania – e mette in guardia dalle sanzioni per i negozi che non lasciano i consumatori pagare con il Pos: «La via non è certo quella di prevedere misure ingiuste e penalizzanti». Boccadutri, in una nota, replica all’associazione dei commercianti che i numeri sono il risultato «di quella stessa norma sull’obbligo che, a suo tempo, Confcommercio criticò aspramente»: è il decreto rimasto fermo in attesa di attuazione da parte del Tesoro – che fa sì che l’obbligo di consentire il pagamento elettronico sia rimasto solo formale, in assenza di sanzioni che lo rendano effettivo. A tutela dei consumatori, nel provvedimento licenziato dal governo vi sarebbe anche una maggior tutela nel caso dei pagamenti non autorizzati (il concorso scende a massimi 50 euro dai precedenti 150). Inoltre i pagamenti non autorizzati dovranno essere rimborsati entro un giorno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa