Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Un taglio alle commissioni bancomat

L’Italia, su impulso dell’Ue, riduce le commissioni interbancarie sui pagamenti elettronici come bancomat e carte di credito. Ma il provvedimento del consiglio dei ministri trova qualche scetticismo fra le associazioni dei commercianti, che sottolineano come non ci siano tagli diretti a carico delle imprese. Lungi dal toccare il nodo politicamente caldo delle sanzioni per gli esercizi commerciali che rifiutano il pagamento tramite Pos – l’attuazione sarebbe arenata al ministero dell’Economia e dunque rimane un obbligo senza sanzioni, disapplicato – il decreto legge dà un taglio sostanziale alle commissioni interbancarie, di fatto uniformandosi ai dettami europei che finora erano ampiamente sforati. Si passa da una media dello 0,50% a un tetto dello 0,20% del valore della transazione per carte di debito e prepagate, e da una media dello 0,70% a un tetto dello 0,30% per le carte di credito.
Le commissioni sono solo una parte della «catena» dei costi e – come sottolinea Confesercenti – «non riguarda le commissioni pagate dagli esercenti che accettano pagamenti con il Pos. L’intervento non riguarda dunque direttamente gli utenti finali e si rivelerà un fatto positivo solo se il beneficio si trasmetterà alle imprese e ai consumatori». Resta il fatto – come spiega Sergio Boccadutri, deputato PD responsabile per l’innovazione e relatore in commissione finanze per il provvedimento – che le banche non potranno più appellarsi agli alti costi sul canale interbancario. E soprattutto che la maggior concorrenza dovuta a prestatori non bancari di servizi dovrebbe mettere sotto pressione i prezzi, a vantaggio dei consumatori. «Le commissioni interbancarie sono i due terzi dell’intera commissione», sottolinea Boccadutri.
Tiepido plauso da Confcommercio, che sul tema della diffusione dei pagamenti elettronici lamenta «luoghi comuni e facili strumentalizzazioni» dal momento che «in Italia il numero di Pos istallati è di 2,2 milioni, rispetto a 1,5 milioni in Francia e 1,2 milioni in Germania – e mette in guardia dalle sanzioni per i negozi che non lasciano i consumatori pagare con il Pos: «La via non è certo quella di prevedere misure ingiuste e penalizzanti». Boccadutri, in una nota, replica all’associazione dei commercianti che i numeri sono il risultato «di quella stessa norma sull’obbligo che, a suo tempo, Confcommercio criticò aspramente»: è il decreto rimasto fermo in attesa di attuazione da parte del Tesoro – che fa sì che l’obbligo di consentire il pagamento elettronico sia rimasto solo formale, in assenza di sanzioni che lo rendano effettivo. A tutela dei consumatori, nel provvedimento licenziato dal governo vi sarebbe anche una maggior tutela nel caso dei pagamenti non autorizzati (il concorso scende a massimi 50 euro dai precedenti 150). Inoltre i pagamenti non autorizzati dovranno essere rimborsati entro un giorno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa