Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Un premio alle assunzioni doc

Al via la fruizione del credito d’imposta per le assunzioni a tempo indeterminato di personale altamente qualificato. Il direttore dell’Agenzia delle entrate, infatti, ha firmato ieri il provvedimento che disciplina le modalità per il recupero, attraverso il modello F24, del 35% degli oneri relativi alle assunzioni (il credito d’imposta). Con risoluzione n. 18/2015, inoltre, sempre l’Agenzia delle entrate ha istituito il codice tributo, 6847, da utilizzare per la compensazione.

 

Assunzioni agevolate. Il credito d’imposta è stato introdotto dall’art. 24 del dl n. 83/2012 (decreto Fare) e attuato dal decreto 23 ottobre 2013 del ministro dello sviluppo economico, in vigore dal 24 gennaio 2014. L’agevolazione spetta a tutti i titolari di reddito di impresa e vale per le assunzioni a tempo indeterminato, avvenute dopo il 22 giugno 2012, anche in caso di trasformazione di contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato, di personale in possesso di titoli quali dottorato di ricerca universitario oppure laurea magistrale in discipline di ambito tecnico-scientifico. L’incentivo consiste del credito d’imposta pari al 35% del costo aziendale sostenuto (salario più contributi) per un periodo massimo di un anno e per un tetto annuale di 200 mila euro.

La modalità di fruizione. Quanto alle modalità di fruizione del credito d’imposta, il citato dm 23 ottobre 2013 prevede che l’importo del beneficio concesso all’impresa venga indicato nella propria dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta nel corso del quale il beneficio stesso è maturato. Dopo di che consente la fruizione del credito d’imposto, utilizzandolo in compensazione sul modello F24 da presentare, tuttavia, esclusivamente mediante i servizi telematici Entratel e Fisconline messi a disposizione dell’Agenzia delle entrate

Il codice tributo. Per utilizzare il credito d’imposta sul modello F24 occorrerà utilizzare il nuovo codice tributo «6847», denominato «Credito d’imposta a favore delle imprese per le assunzioni a tempo indeterminato di personale altamente qualificato – art. 24, del dl n. 83/2012». Ai fini della compilazione del modello F24, il codice va esposto nella sezione «Erario« in corrispondenza delle somme indicate nella colonna «importi a credito compensati». Lo stesso codice va utilizzato anche nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, evidentemente, non spettante da valorizzare nella colonna «importi a debito versati». Il campo «anno di riferimento» va valorizzato con l’anno di assunzione del personale altamente qualificato, nel formato «AAAA».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa