Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Un paese di microaziende

La metà — oltre 60 — sono state perse nell’industria (edilizia esclusa), dove ne risultano oggi solo 522: di fatto, più di un’azienda su dieci, negli ultimi dodici mesi, ha smesso di essere una grande industria, o perché non c’è più, o perché non è più grande. Naturalmente, la soglia di 500 dipendenti è una pura convenzione statistica: se la media degli addetti, nel totale dell’industria italiana è dieci, nel caso delle grandi imprese la media, riferisce l’Istat, è quasi 1.500. Tuttavia, anche se si scende di dimensione, alle aziende oltre i 250 dipendenti — quelle med io-grandi che, in altri paesi, sono il nerbo dell’economia — i risultati non sono troppo diversi. Le industrie con più di 250 addetti, riferisce l’Istat, erano 1.534 nel 2003. Dieci anni dopo erano scese a 1.466. Il totale di tutti i settori, però, è in aumento. Vuol dire che l’Italia sta seguendo la via dell’Inghilterra dove, dalla Thatcher in poi, le fabbriche chiudono e si moltiplicano gli agenti di borsa? Niente affatto. Il terziario avanzato (informazione, comunicazioni, finanza, assicurazioni), negli stessi dieci anni, ha visto ridursi le sue aziende medio-grandi da 1.316 a 1.254. Quello che è aumentato è il terziario tradizionale: commercio, turismo, trasporti. Qui, le aziende con più di 250 dipendenti sono raddoppiate, arrivando a sfiorare il migliaio.
Rimpiccioliscono le fabbriche e proliferano i supermercati.
La crisi, d’altra parte, ha falciato selvaggiamente i settori in cui la grande industria italiana è, storicamente, più forte. La produzione di auto è crollata del 45 per cento, quella tessile del 35, frigoriferi e lavatrici del 50-60 per cento. Poiché un operaio su cinque, in Italia, lavora in una grande impresa, gli effetti sull’occupazione sono stati pesanti. Se la crisi ha esacerbato la stretta, tuttavia, lo sfarinamento della grande impresa era iniziato già prima. Lo dicono i dati Istat sull’occupazione. Sono dati che escludono dagli addetti i cassintegrati: chiamiamola l’occupazione sostenibile. Nel 2000, gli addetti alle grandi imprese manifatturiere erano 735 mila. Nel 2005 erano scesi a 669 mila. Nel 2010 erano precipitati a 602 mila. E oggi? Elaborando i dati Istat, si può stimare quanto è accaduto in questi anni, almeno per il complesso dell’industria (edilizia compresa). Fra il gennaio 2005 e il dicembre 2012, la grande industria ha perso un addetto su sei, oltre il 15 per cento, mentre l’insieme delle imprese industriali non è andato oltre il 7 per cento. I dipendenti delle grandi imprese sono, insomma, quelli che hanno subito i contraccolpi più pesanti della crisi, ma, in realtà, i dati mostrano che lo sfarinamento delle grandi fabbriche era iniziato già prima. Fra l’inizio del 2005 e la fine del 2012, le grandi industrie hanno perso circa 120 mila dipendenti. Ma più di metà era già uscito dalla fabbrica prima dell’inizio del 2009, prima, cioè, che esplodesse la recessione.
L’Italia resta tuttora la seconda potenza manifatturiera d’Europa, dopo la Germania, ma si potrebbe quasi dire che non è un paese per grandi, almeno in materia di industrie. Per molti economisti è un grave handicap. Ai politici, le grandi fabbriche piacciono perché consentono, con un solo scenografico taglio di nastro, di creare duemila posti di lavoro e altrettanti nell’indotto di servizi e forniture, quando, per avere lo stesso risultato ci vorrebbero 400 piccole imprese. Ma la grande industria non è soltanto, quando c’è, un moltiplicatore più rapido di occupazione. Dipende meno dalle banche e, dunque, dal ciclo del credito bancario, quello che, oggi, sta inasprendo la recessione italiana. E’ in grado di mantenere una rete di assistenza e supporto ai propri clienti che, nel mondo globalizzato, è sempre più un valore aggiunto. Soprattutto, dedica assai più energie e investimenti — dicono i dati — alla ricerca e sviluppo, a caccia di quell’innovazione che, oggi, è la leva dello sviluppo. Dobbiamo dunque attendere il ritorno della grande industria? Difficile che si materializzi. I grandi industriali italiani, oggi, pensano soprattutto di trasferirsi all’estero e i grandi industriali esteri pensano assai poco all’Italia. Le multinazionali sono convinte che i mercati europei abbiano poco da dare e concentrano gli investimenti nei paesi emergenti dove si aspettano l’esplosione della domanda.
Il risultato è che, quando partirà la ripresa, bisognerà cercare di cavalcarla in modo diverso dal passato. Inventarsi un nuovo modello di sviluppo non sarà facile, ma, forse, il problema più che dimensioni aziendali è di settori. Uscire dal tradizionale recinto di auto, mobili, moda, agroalimentare per premere sul pedale delle novità che, anche in Italia, ci sono. A cominciare dal mondo digitale, che vive e prolifera intorno al web. Non è più una realtà residuale. Una ricerca di Assintel, l’associazione del settore, stima in 54 miliardi di euro il contributo che le aziende digitali danno all’economia nazionale: è quasi il 4 per cento del Pil. E una cifra non distante da quanto producono i grandi settori tradizionali. E, mentre la grande industria implodeva, le aziende web fiorivano: ce ne sono ormai 173 mila, per un totale di 900 mila addetti. Se non si guarda troppo per il sottile alle distinzioni fra tempo pieno, part time, collaboratori, 900 mila è una volta e mezza il numero degli addetti della grande
industria manifatturiera.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa