Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Un ex banchiere per guidare la Fed Powell prenderà il posto di Yellen

Il prossimo presidente della Federal Reserve dovrebbe essere Jerome Powell, copia in chiave repubblicana di Janet Yellen. Donald Trump annuncerà la scelta giovedì 2 novembre, prima di partire per il lungo viaggio nel Sud-est asiatico. Le indiscrezioni dei media americani confermano le voci che da qualche giorno circolano a Washington. Il leader della Casa Bianca aveva fornito una traccia precisa già la settimana scorsa, mercoledì 25 ottobre: «Mi piace Yellen, insieme stiamo facendo molto bene, ma è anche piacevole lasciare il proprio segno e questo gioca contro di lei».

Trump, dunque, vuole cambiare, rompendo una tradizione consolidata: il nuovo arrivato nello Studio Ovale di solito conferma il vertice della Fed. A partire da febbraio, allora, la guida della Banca centrale americana dovrebbe passare al sessantaquattrenne Powell, che fa già parte del board dei governatori Fed. Ex finanziere, ex partner del fondo Carlyle Group, Jerome, «Jay» per gli amici, è anche un prodotto tipico dell’establishment di Washington, città dove è nato e si è formato: frequenta i «think tank», coltiva rapporti politici bipartisan. Salvo che per un dettaglio, fondamentale per «The Donald»: è un elettore repubblicano dichiarato in una metropoli largamente democratica.

Trump, dunque, avrebbe scartato l’altro contendente rimasto in gara, dopo settimane di colloqui e selezione: l’economista di Stanford, John Taylor, uno dei critici più radicali dell’attuale politica monetaria. Il presidente, spalleggiato dal ministro del Tesoro, Steven Mnuchin, vuole che la Fed continui il più possibile con una linea «accomodante», manovrando con gradualità il rialzo dei tassi di interesse. In sostanza è la dottrina Yellen, invisa a Taylor che chiede una stretta del costo del denaro e, invece, condivisa da Powell. Ma c’è di più. «Jay» è pronto ad assecondare la deregulation dei mercati progettata dallo stesso Mnuchin e sponsorizzata da Wall Street. In più occasioni Yellen si è dichiarata contraria allo smantellamento delle garanzie introdotte da Barack Obama, dopo la grande crisi del 2008. Tassi moderati, meno regole, fedeltà repubblicana: il candidato Powell è pronto per la nomina, che dovrà poi essere ratificata dal Senato.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il progetto di fusione tra Fiat-Chrysler (Fca) e Peugeot-Citroën (Psa) si appresta a superare uno d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Davanti alle piazze infiammate dal rancore e dalla paura, davanti al Paese che non ha capito la ragi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Erogazioni in crescita l’anno prossimo per Compagnia di San Paolo, nonostante lo stop alla distrib...

Oggi sulla stampa