Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Con un anno di blocco 300 mila posti conservati

Il blocco dei licenziamenti compie un anno. Ma quanti posti ha conservato? Secondo un’analisi basata su dati Istat, Inps e Anpal fatta per lavoce.info da Bruno Anastasia, ex direttore dell’Osservatorio sul mercato del lavoro regionale di Veneto Lavoro, i licenziamenti evitati sarebbero 200-300 mila. Da notare: il flusso ordinario dei licenziamenti economici è di 40-50 mila al mese. Per effetto del parziale blocco, l’anno scorso tra aprile e settembre sono diminuiti di oltre il 60% rispetto al periodo corrispondente del 2019. «Questo livello dei licenziamenti attesi può essere ritenuto sottostimato, perché la condizione delle imprese a causa della pandemia è peggiore del “normale”, ma anche — e più probabilmente — sovrastimato, perché le imprese si sono “aggiustate” in altri modi, attraverso esodi incentivati, licenziamenti disciplinari o altro», spiega Anastasia. Di qui la stima dei 200-300 mila posti a rischio. Ora il punto è alzare la diga del blocco quando il sistema economico sarà pronto a ricevere e assorbire le persone in uscita dal sistema produttivo. Per questo serve la riforma degli ammortizzatori in vista per ottobre. Ma anche il varo di politiche attive del lavoro finora solo sperimentate.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il virus ci ha cambiati profondamente. Ma non è chiaro come. Quali effetti lascerà su di noi, sull...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

II lavoratori messi in ginocchio dalla crisi tornano in piazza. Ministro Orlando, qual è il piano d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora caos sulla tassazione dei compensi derivanti dai contratti decentrati. Il balletto tra tassaz...

Oggi sulla stampa