Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ue, scontro nella maggioranza

Superate le 25 mila vittime da coronavirus in Italia con un incremento di 437 unità nelle ultime 24 ore. Continua il calo dei malati per il terzo giorno consecutivo. E prosegue pure il calo dei ricoveri in terapia intensiva: sono 2.384, 87 in meno rispetto in un giorno (817 solo in Lombardia, 34 in meno). Dei 107.699 malati, 23.805 sono ricoverati con sintomi, 329 in meno, e 81.510 sono in isolamento domiciliare.

 

L’Ue è divisa sulle misure da adottare contro le conseguenze della pandemia, ma la maggioranza che sostiene il governo italiano appare addirittura lacerato in vista del Consiglio europeo di oggi. Tanto che mentre il ministro degli Esteri ed ex capo politico M5s, Luigi Di Maio, interveniva in sostegno del premier Giuseppe Conte indicandolo come il capitano di una squadra di calcio che sta per tirare un rigore, la terza carica dello Stato, il presidente della Camera Roberto Fico ribadiva il suo no al Mes e il sì ai coronabond, salvo poi correggere il tiro in serata: «Il Mes stile Grecia non è accettabile, se è senza condizionalità, vedremo». «Se non ci saranno condizioni», ha spiegato, «se sarà scritto nero su bianco, si potrà ipotizzare un’adesione a quella parte, ma dobbiamo vedere un documento che fino ad ora non esiste». Altro segnale di un certo nervosismo nella maggioranza è lo slittamento del consiglio dei ministri, prima fissato alle 18 poi alle 21 e infine rinviato forse ad oggi, che avrebbe dovuto sancire lo scostamento necessario di bilancio attraverso il Def, ossia indicando chiaramente le finalità. Lo stop sarebbe avvenuto per espressa volontà del ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri (Pd). Tutte le cancellerie europee sembrano concordare sulla necessità di un Recovery Fund e di un Bilancio pluriennale. Sugli strumenti e sulle modalità è aperto il dibattito. L’obiettivo è di dare mandato alla Commissione Ue di elaborare una proposta.

 

Un grande piano di ricostruzione nazionale. «Se il governo annuncia il dialogo e poi lo boccia», ha dichiarato il leader della Lega, Matteo Salvini, «noi il piano lo facciamo con tutte le associazioni delle imprese, dall’agricoltura al turismo, alle imprese produttive, guardando quello che accade negli altri paesi europei».

 

Dal parlamento tedesco è partito un segnale di vicinanza al paese più colpito in Europa dal coronavirus, ossia l’Italia. Diversi deputati hanno manifestato per appoggiare Roma in vista del Consiglio europeo di oggi. «Ce la facciamo insieme», il motto. Fra i parlamentari accolti dall’ambasciatore Luigi Mattiolo, la leader dei Verdi Annalena Baerbock, l’ex leader dei socialdemocratici Martin Schulz, l’ecologista Claudia Roth, Gregor Gysi (Linke), Axel Schaefer e Christian Petry (Spd), Ronja Kemmer (Cdu), Franziska Brantner e Lisa Paus (Verdi), Katja Suding (FDP), Mathias Birkwald (Linke). Presenti anche gli europarlamentari Hannah Neumann (Verdi), Gaby Bischoff (Spd) e Hildegard Bentele (Cdu).

 

I leader di 23 grandi imprese, fra i quali Michael Manley, ceo di Fiat Chrysler, hanno firmato un appello ai leader Ue alla vigilia del vertice perché si lavori per un’Europa più forte con il mercato unico come strumento centrale anticrisi.

 

Un milione di voli cancellati sull’Europa dall’inizio della crisi. Eurocontrol, l’organizzazione che coordina il controllo del traffico aereo a livello europeo, ha registrato un calo in Italia del 92%.

 

Il prezzo del petrolio è risalito. Le borse ne hanno tratto beneficio. Il Wti ha segnato +24,46% a 14,40 dollari, il Brent +8,79% a 21,03. Milano ha guadagnato l’1,91%. Spread a 252.

 

Dal 4 maggio potrebbero ripartire i settori manifatturiero e delle costruzioni oltre ad alcuni esercizi commerciali. Mentre alcune attività potrebbero riprendere già il 27 aprile. Lo ha annunciato il premier Giuseppe Conte, dopo l’incontro con il capo della task force per la ripartenza Vittorio Colao, ai sindacati, spiegando che ci sarà solo un allentamento del lockdown. La ripartenza, ha sottolineato Colao, riguarderà «al massimo 2,7 milioni di lavoratori».

 

Sulla app per il tracciamento Immuni, il Garante per la privacy, Antonello Soro, ha dichiarato che sarebbe utile solo nel caso in cui si riuscissero a fare immediatamente i tamponi. Il Copasir ha annunciato una serie di audizioni.

 

Il ministro della p.a. Fabiana Dadone ha annunciato il via libera dell’anticipo della liquidazione (Tfs) per gli statali fino a 45 mila euro.

 

Il ministro per la Cultura, Dario Franceschini, ha sbloccato 20 milioni di euro per i settori del teatro, danza, musica, circhi, festival «che sono esclusi dal Fus». Con lo slogan «L’attore visibile», 150 attori hanno firmato un documento per un contratto nazionale di categoria per l’audiovisivo e rinegoziare quello per lo spettacolo dal vivo. Tra le firme: Paola Cortellesi, Giovanna Mezzogiorno, Pier Francesco Favino, Alessandro Preziosi, Stefano Accorsi, Luca Zingaretti.

 

Lo sport deve ripartire. Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, al question time in parlamento: «Gradualmente potremo pensare di riaprire la parte che riguarda gli allenamenti». Per i campionati si attende il parere del Comitato tecnico scientifico.

 

Il 2019 è stato l’anno più caldo mai registrato in Europa con temperature medie di quasi 2 gradi sopra quelle della seconda metà del XIX secolo. C’è un aumento delle concentrazioni di gas serra che nella storia si è avuto soltanto milioni di anni fa. L’Oceano Artico potrebbe ritrovarsi del tutto libero dai ghiacci in estate anche prima del 2050. Lo si legge nel rapporto sul clima in Europa di Copernicus, diffuso in occasione della 50/ma Giornata mondiale della Terra. Il Programma alimentare mondiale dell’Onu paventa una catastrofe umanitaria: il numero di persone che soffrono la fame potrebbe passare da 135 milioni a oltre 250 milioni. I più a rischio sono i dieci paesi colpiti da conflitti, crisi economiche e cambiamenti climatici. Papa Francesco ha dichiarato: «Siamo stati cattivi custodi per egoismo». E l’attivista Greta Thunberg: «Si dia retta agli scienziati come per il virus».

 

Il virus SarsCov2 è attivo anche nelle lacrime dei pazienti positivi ed è in grado di replicarsi anche nelle congiuntive. Lo dimostra uno studio dei ricercatori dell’Istituto Spallanzani di Roma.

 

Uno studio dell’Istituto superiore di sanità ha rilevato la presenza di Rna del SarsCov2 nelle acque di scarico di Roma e Milano. Nessun pericolo: il controllo delle fognature dei centri urbani viene utilizzato per rilevare il livello del contagio.

 

Un protocollo per migliorare la presa in carico del malato di Covid19 cui gli Usa stanno guardando con interesse. È lo studio dell’equipe di radiologia dell’ospedale di Piacenza pubblicato sulla rivista statunitense Radiology.

 

Il gruppo di Wenhao Dai, dell’Accademia Cinese delle Scienze, avrebbe ottenuto due farmaci, progettati e sintetizzati per combattere i virus SarsCoV2, attaccando l’enzima proteasi che utilizzano per moltiplicarsi. Il risultato è pubblicato sulla rivista Science.

 

Nella circolare del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Riccardo Fraccaro, per le celebrazioni del 25 aprile non risulta l’invito per l’Associazione Nazionale Partigiani. Il presidente onorario, Carlo Smuraglia, ha parlato di «errore colossale». Fraccaro ha precisato che l’invito è rivolto solo alle autorità pubbliche per evitare assembramenti, data l’emergenza sanitaria. L’Anpi ha annunciato che si presenterà comunque.

 

Il procuratore generale del Missouri ha presentato una causa contro il governo cinese per la perdita di vite umane e le conseguenze economiche provocate dal coronavirus. «È a dir poco una assurdità», ha reagito il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Geng Shuang rilevando che sono state date informazioni a Washington sull’epidemia dal 3 gennaio.

 

Sessantuno croci bianche al Campo 87 del cimitero maggiore di Milano. Sono i defunti che le famiglie non hanno potuto reclamare nei cinque giorni prescritti dal nuovo regolamento comunale deciso per l’emergenza coronavirus: 600 posti per chi muore lontano dai propri cari.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Entra nel vivo la gara per la conquista di Cedacri, società specializzata nel software per le banch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Monte dei Paschi di Siena ha avviato ieri un collocamento rapido di azioni, pari al 2,1% del capi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il giorno dopo il lancio dell’Opa da parte di Crédit Agricole Italia, il Creval valuta le possibi...

Oggi sulla stampa