Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ubs, utili oltre le stime Raddoppia la cedola

Ubs, la maggior banca elvetica, ha realizzato nel 2014 un utile netto di 3,571 miliardi di franchi, +12,6% sull’esercizio precedente. Nel solo quarto trimestre, l’utile netto ha raggiunto i 963 milioni di franchi. Dati positivi, di fronte ai quali però il mercato si è diviso. Una parte degli operatori ha indicato il livello molto elevato dei profitti, un’altra parte ha sottolineato come l’utile annuale sia influenzato dai crediti d’imposta per 1,1 miliardi legati a perdite registrate in esercizi passati ed ha manifestato delusione per il risultato operativo. L’utile prima delle imposte è sceso nel 2014 a 2,595 miliardi, contro i 3,272 miliardi del 2013. Il titolo Ubs ieri a Zurigo è così calato in giornata del 2,6%, a 15,68 franchi.
Il ceo di Ubs, Sergio Ermotti ha affermato che «la trasformazione strategica è conclusa» e si è dichiarato molto soddisfatto dei dati 2014. «I risultati sono ottimi – ha detto – la posizione patrimoniale solida, siamo pronti per il futuro. È prematuro fare previsioni per il trimestre in corso, ma il 2015 è cominciato bene per noi. Questo ci rende ottimisti al punto da proporre una significativa restituzione di capitale ai nostri azionisti», ha aggiunto il ceo. Ubs intende proporre un dividendo di 0,50 franchi per azione, il doppio sul 2013. Ci sarà inoltre un dividendo straordinario maturato di 0,25 franchi, collegato alla costituzione della nuova holding.
Nelle attività di gestione patrimoniale (Wealth Management), la banca ha registrato afflussi di fondi freschi per 34,4 miliardi di franchi (35,9 miliardi nel 2013), grazie agli apporti netti più consistenti dal 2007 in provenienza dalla regione Asia-Pacifico. Sull’intero esercizio la stessa divisione ha registrato un utile prima delle imposte rettificato in rialzo del 4% a 2,5 miliardi di franchi. Performance record per Wealth Management Americas, con un utile ante imposte rettificato di 1 miliardo di dollari. Le attività della divisione Investment Bank hanno realizzato un utile ante imposte rettificato di 0,3 miliardi «in quanto la divisione ha dovuto far fronte a questioni legali e regolamentari che hanno interessato l’intero settore». In concreto, l’istituto ha versato 774 milioni di franchi in multe e restituzioni di utili. A fine dicembre la banca registrava un coefficiente di capitale Common Equity Tier 1, secondo Basilea III, del 13,4% contro il 12,8% nel 2013. In calo, poi, la somma destinata alle remunerazioni variabili (bonus): -6% a 2,8 miliardi di franchi.
A fine 2014 Ubs registrava oltre 2 miliardi di franchi di accantonamenti per vertenze giuridiche. Nel quarto trimestre la banca ha contabilizzato 176 milioni, un importo inferiore sul trimestre precedente, ha precisato il cfo Tom Naratil. Ubs ha confermato di essere nel mirino delle autorità Usa per presunta complicità in evasione fiscale e truffa su titoli al portatore, senza fornire dettagli sulla vicenda.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il progetto di fusione tra Fiat-Chrysler (Fca) e Peugeot-Citroën (Psa) si appresta a superare uno d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Davanti alle piazze infiammate dal rancore e dalla paura, davanti al Paese che non ha capito la ragi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Erogazioni in crescita l’anno prossimo per Compagnia di San Paolo, nonostante lo stop alla distrib...

Oggi sulla stampa