Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ubs, nel 2020 risultati oltre le attese

Ubs, la maggior banca svizzera, ha chiuso il 2020 con risultati superiori alle aspettative prevalenti tra gli analisti. Nel solo quarto trimestre il gruppo ha registrato un utile netto di 1,7 miliardi di dollari, più che raddoppiando i 722 milioni dello stesso periodo del 2019; per l’intero 2020 l’utile netto è di 6,6 miliardi di dollari (5,4 miliardi di euro), il 54% in più rispetto a un anno prima. «Il 2020 è stato un anno difficile per i nostri clienti, i nostri colleghi e le comunità in cui operiamo, ciò rende ancora più gratificanti i risultati ottenuti», ha commentato il ceo Ralph Hamers.

Il business centrale di Ubs è la gestione di patrimoni, privati e istituzionali, ma il gruppo è presente anche nell’investment banking e nel retail banking (in questo settore però solo sul mercato svizzero). Nel 2020 la gestione di patrimoni privati ha fatto ancora una volta da traino principale, ma i risultati sono stati buoni anche per gli altri rami. I dati sono stati accolti bene dal mercato e il titolo Ubs a Zurigo ha chiuso la seduta con un rialzo del 2,4%.

Il dividendo proposto per l’esercizio 2020 è di 0,37 franchi per azione, inferiore agli 0,73 franchi dell’anno prima. Ma la notizia non ha scoraggiato gli investitori, anche perché in effetti Ubs ha reso noto che continuerà nel riacquisto di azioni proprie. Il gruppo ha lanciato un nuovo programma triennale di riacquisto, per un importo sino a 4 miliardi di franchi, di cui sino a 1 miliardo entro il primo trimestre di quest’anno. Sarà riacquistata anche la quota residua del piano precedente, pari a 100 milioni di franchi.

Ralph Hamers, olandese, ex ceo di Ing, ha preso il timone nel novembre scorso, come successore del ticinese Sergio Ermotti. Hamers intende accelerare nella digitalizzazione, che tocca tutti rami della banca ma che ora trova un’applicazione estesa in particolare nel retail banking; il gruppo ha tra l’altro annunciato recentemente la chiusura di 44 delle 240 sue agenzie in Svizzera. Hamers è indagato in Olanda per una vicenda di riciclaggio che ha toccato Ing. «Ho sempre agito in buona fede, ho fiducia, il procedimento si concluderà bene», ha affermato al riguardo Hamers.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa