Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ubs aumenta i profitti

Alcune tra le principali banche europee hanno pubblicato i risultati trimestrali, dove emergono i primi dati relativi alle ripercussioni economiche dell’emergenza sanitaria, che le hanno spinte ad aumentare gli accantonamenti per far fronte a potenziali perdite sui crediti.

Tra gennaio e marzo la britannica Hsbc ha accusato un calo del 57% su base annua dell’utile netto a 1,79 miliardi di dollari (1,65 mld euro), mentre i ricavi sono diminuiti del 5% a 13,69 miliardi (12,64 mld euro). «L’impatto economico della pandemia sui nostri clienti si è rivelato il motore principale del cambiamento nella nostra performance dall’inizio dell’anno», ha spiegato l’a.d. Noel Quinn. Le perdite sui crediti sono stimate a 3 miliardi di dollari e si sommano a un’ingente commissione sostenuta dalla banca per l’esposizione a Singapore. Nei prossimi mesi la redditività è prevista notevolmente in ribasso, mentre la crescita delle attività ponderate per il rischio si attesterà in un tasso compreso tra il 5 e il 9%.

Anche la spagnola Banco Santander ha subìto le conseguenze della crisi. La riserva per le perdite trimestrali è ammontata a 2,31 miliardi di euro, in crescita del 6%. Sono stati inoltre accantonati 1,6 miliardi per far fronte alla pandemia, più 46 milioni per coprire i costi di ristrutturazione. L’aumento delle riserve e la flessione dei ricavi hanno comportato il crollo dell’82% dell’utile a 331 milioni. Escludendo le spese straordinarie di 1,65 miliardi e considerando un importo a tasso costante, l’utile sottostante è aumentato dell’8%. I ricavi sono scesi del 2% a 11,81 miliardi, con una riduzione dell’utile netto da interessi e delle commissioni. Il Cet 1 si è attestato all’11,58% rispetto all’11,65% di dicembre.

Quanto a Ubs, a differenza di Hsbc e del Santander, la difficoltà viene affrontata da una posizione di forte solidità, legata anche all’aumento del 40% dei profitti trimestrali a 1,6 miliardi di dollari (1,48 mld euro), superando le attese di 1,5 mld. L’utile operativo è salito da 7,22 a 7,93 miliardi (7,32 mld euro), mentre l’utile pre-tasse ha visto un incremento del 41% nel segmento di gestione patrimoniale e del 52% nella gestione degli asset. I costi per le perdite sui crediti sono balzati da 20 a 268 milioni di dollari (247 mln euro). Di questi, 122 milioni riguardano il segmento degli investimenti e 53 mln l’unità chiave di gestione patrimoniale.

«Dopo anni di operazioni strategiche rigorose, gestione del rischio e investimenti tecnologici sostenuti, ci addentriamo in questi tempi tumultuosi da una posizione di solidità», ha commentato l’a.d. Sergio Ermotti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cattolica sposta il suo 1% di Ubi Banca dal "Comitato azionisti di riferimento" (Car) al carro di In...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Giuseppe Conte è stato accolto ieri da Angela Merkel in un luogo simbolico, Schloss Meseberg, la Vi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da domani anche gli intermediari potranno effettuare gli invii delle comunicazioni per la cessione d...

Oggi sulla stampa