Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ubi, profitti e margini migliorano

Profitti superiori al consenso, evoluzione positiva del margine operativo e della qualità del credito: è la fotografia dei risultati trimestrali di Ubi banca. L’utile al netto delle componenti non ricorrenti è salito a 124,9 milioni di euro rispetto ai 121 mln del primo trimestre 2018 e ai 41,8 di ottobre-dicembre. L’utile netto contabile è sceso a 82,2 milioni, influenzato dall’accordo sindacale, contro 117,7 del quarto trimestre e 215,1 mln di dodici mesi prima.Le commissioni nette sono cresciute a 400,9 milioni (390,6 e 407,3 mln). Il margine d’interesse si è attestato a 445,6 milioni (+1% sul quarto trimestre e +1,8% su base annua). La raccolta diretta è salita a 93,6 miliardi dai 92,6 di fine 2018. Lo stock di crediti deteriorati lordi era pari a 9,458 miliardi di euro, in diminuzione del 2,7% rispetto a dicembre. Il Cet1 si è posizionato all’11,47% fully loaded rispetto all’11,34%.

L’a.d. Victor Massiah ha evidenziato il valore di una strategia che ha privilegiato di non vendere «i gioielli di famiglia». Inoltre sono in corso negoziazioni per irrobustire la parte assicurativa: «Ci vuole tempo, dobbiamo decidere la strada da intraprendere». La banca ha in essere due accordi distributivi con Cattolica e Aviva al 2020 e dovrà decidere che cosa fare: se rinnovare o rinegoziare le partnership o sviluppare la compagnia assicurativa interna Bap, ereditata da Banca Etruria.

Quanto al nuovo piano industriale, Massiah prevede tassi negativi per l’intero anno: «Ciononostante il piano cercherà, proprio sotto stress per certi aspetti, di andare a identificare nuove forme di ricavi che ci permetteranno comunque di crescere. D’altra parte, e torno ai risultati di questo trimestre, in un contesto di tassi negativi siamo comunque riusciti a far crescere i ricavi, e questo non è poco». Il banchiere ha annunciato che il Cet1 dovrà superare il 12%: «In ogni caso, se mi chiedete se ho problemi col nostro attuale livello (11,47%, ndr), vi rispondo: assolutamente no».

In borsa il titolo è balzato del 4,84% a 2,707 euro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le obbligazioni non hanno più alcun rendimento, mentre ormai le Borse hanno ormai alle spalle un ri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — Il piano del governo per salvare le acciaierie di Taranto e le migliaia di posti di lavoro ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per la Cassazione non rientra tra i contratti «bancari e finanziari». Le controversie derivanti d...

Oggi sulla stampa