Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ubi prepara l’aumento per le «good bank»

A un anno esatto dalla messa in risoluzione di Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti, CariFerrara, avvenuto domenica 22 novembre 2015, si avvicina la fase finale della sistemazione delle good banks.

Il dossier è atteso per giovedì 24 sul tavolo della Vigilanza unica della Bce presieduta da Danièle Nouy per esaminare la proposta di acquisto di Ubi, relativa a tre good banks (Etruria, Marche, CariChieti), mentre per CariFerrara è ormai incardinato un intervento del Fondo volontario (nato nell’ambito del Fondo interbancario di tutela dei depositi) per evitarne la chiusura, a fianco di un compratore forte come Cariparma-Crédit Agricole o Bper.

Giovedì potrebbe arrivare dal supervisory board di Francoforte un via libera informale, non ancora l’ok definitivo, anche perché andranno messi a punto alcuni passaggi come la separazione dei crediti in sofferenza e di quelli deteriorati (circa 3 miliardi lordi per le tre banche) per l’acquisto dei quali è in corso una trattativa tra i vertici degli istituti — a cominciare dal presidente unico, Roberto Nicastro — e il fondo Atlante 2. Poi servirà anche il via libera della Commissione Europea (la direzione generale alla Concorrenza, o DgComp).

Ubi dal canto suo dovrebbe ricevere le tre good banks libere di ogni credito deteriorato e procedere, successivamente all’incorporazione, a un aumento di capitale stimato in circa 400 milioni di euro. In più l’istituto guidato da Victor Massiah potrà utilizzare a suo vantaggio anche 600 milioni di «dote fiscale» grazie alle perdite detraibili dalle imposte future del gruppo. Ci sarà comunque anche un ulteriore intervento del Fondo di risoluzione — che già un anno fa aveva contribuito con 3,6 miliardi, di cui 1,8 per capitalizzare le good banks — per coprire le nuove perdite: l’ammontare è ancora oggetto di negoziazione.

Nonostante il sostanziale blocco legato al processo di vendita le good banks hanno continuato a lavorare sul territorio: in un anno hanno erogato 1 miliardo in più di mutui e abbassato il costo della raccolta di oltre 40 punti base, e vedranno entro l’anno l’uscita «soft» di circa 150 dipendenti su quasi 5.500 totali.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa