Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Ubi Banca: tra Bergamo, Brescia e Cassa di Cuneo arriva il patto «leggero»

La blindatura dell’azionariato di Ubi ruota attorno a un «patto di consultazione» tra i soci storici delle banche che negli anni hanno dato vita, fondendosi, all’istituto lombardo guidato da Victor Massiah. Adesso che nella prossima primavera ci saranno da rinnovare i vertici del gruppo con l’adozione per la prima volta del modello monistico, dopo aver abbandonato lo scorso ottobre quello duale, nasce un’alleanza che coagula il 21,5% delle azioni e punta ad assicurarsi l’assemblea di un istituto il cui capitale è in maggioranza in mano a investitori istituzionali.

A stringere l’accordo sono state le due compagini di soci bresciani e bergamaschi, racchiusi nelle associazioni «Sindacato Azionisti Ubi Banca» (a Brescia) che ha il 12,5% ed è presieduto da Franco Polotti, e nel «Patto dei Mille» (a Bergamo») che ha circa il 3% ed è presieduto da Matteo Zanetti, insieme con la Fondazione Cr Cuneo presieduta da Gian Domenico Genta che con il 5,9% è oggi il primo socio stabile della banca. Il patto è già stato sperimentato il 14 dicembre all’assemblea per l’elezione del consigliere indipendente Alberto Carrara. Ora diventa più istituzionale: l’accordo parasociale prevede «la consultazione e l’eventuale presentazione e voto della lista» per il board.

In tutto il patto di consultazione aggrega 264 soci tra i quali la Fondazione Banca del Monte di Lombardia (che ha il 3,95%), Cattolica Assicurazioni e alcune importanti famiglie come Lucchini, Fidanza, Folonari, Strazzera, Bellini, Polotti, Bianchi, Zanetti. Tutti soggetti che — è scritto nella nota del patto — «da decenni hanno l’obiettivo di sostenere lo sviluppo nel medio-lungo termine del gruppo» presieduto da Andrea Moltrasio e che intendono «continuare a sostenere le azioni degli amministratori e del management». Il prossimo board di Ubi avrà 15 consiglieri, di cui cinque faranno parte del comitato per il controllo sulla gestione. Due terzi saranno indipendenti e fino a tre consiglieri andranno alle minoranze.

Fabrizio Massaro

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa