Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Trust, titolari effettivi in chiaro

Tempestivo accesso alle informazioni sul titolare effettivo e assoluta trasparenza degli schermi societari e dei trust con dati disponibili dal registro imprese. È quanto si desume dal documento «Italy’s action plan» per accrescere la trasparenza e prevenire l’uso improprio di società e trust, scaturito al termine del meeting G8 del 17 e 18 giugno scorsi.

L’Italia ha reso noti i propri impegni ufficiali per contrastare l’evasione fiscale e promuovere la trasparenza nella proprietà delle imprese.

Ciò può essere raggiunto anche mediante l’evidenziazione della persona fisica che in ultima analisi controlla e/o trae beneficio dalle società o dal trust.

Tali temi, adottati nell’agenda del G8, hanno assunto rilevanza europea con la proposta della IV Direttiva contro il riciclaggio. L’iniziativa, inoltre, è in linea con gli standard definiti dal Fatf-Gafi (Financial action task force – Gruppo d’azione finanziaria), ossia l’organismo di promozione, a livello internazionale, del contrasto al riciclaggio di denaro e finanziamento al terrorismo, mediante l’adozione di principi normativi comuni. Proprio allo scopo di dare attuazione alle raccomandazioni n. 24 e n. 25 del menzionato ente, che l’Action Plan italiano si prefigge di assicurare che le notizie in merito ai titolari effettivi, e di controllo delle società e dei trust siano rese disponibili e completamente trasparenti. Ciò mediante il recepimento della IV Direttiva antiriciclaggio e le conseguenti modifiche al dlgs 231/07.

Il piano d’azione italiano prevede nove punti:

1) l’emanazione della valutazione del rischio italiano in merito al riciclaggio di denaro e finanziamento al terrorismo, entro la fine del 2014, con specificazione del rischio associato a ciascuna tipologia societaria adottata in Italia;

2) l’adozione di norme che assicurino la conoscenza da parte delle imprese del titolare effettivo, rendendo tale informazione disponibile a partire dai dati posseduti dal registro imprese;

3) la valutazione delle necessità di miglioramento dell’attuale sistema informativo di base;

4) l’emanazione di leggi che assicurino che i trustees identifichino i beneficiari dei propri trust e rivelino tali informazioni alle autorità competenti;

5) la valutazione della necessità di porre in essere ulteriori misure di incremento della trasparenza per le persone giuridiche;

6) il miglioramento del ruolo dei professionisti nella partecipazione alla creazione di società e trust, mediante l’incentivazione delle misure di due diligence;

7) l’applicazione di sanzioni, ex dlgs 231/07, alle società che non rispettino gli obblighi di trasparenza;

8) il rafforzamento dei controlli delle autorità per assicurare la corretta trasparenza;

9) la promozione della cooperazione internazionale per lo scambio di informazioni sui titolari effettivi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa