Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tria cerca 8 miliardi di tasse Fitch: conti dell’Italia a rischio

Costretto dalla “ non validazione” delle sue stime sul Pil a tornare in Parlamento, ventiquattr’ore dopo l’audizione, per giustificarsi, il ministro dell’Economia Giovanni Tria si difende e contrattacca. Definisce “ obsolete” rispetto alle “ ultime scelte dell’esecutivo” le previsioni dell’Ufficio parlamentare di bilancio, chiede “rispetto” per i tecnici del Tesoro che le hanno elaborate e svela i contenuti della manovra, che saranno inviati a Bruxelles lunedì prossimo nel previsto Draft Budgetary Plan. Ai rilievi di Bankitalia e Corte di conti sul debito replica: “Non mettiamo in discussione la sua sostenibilità” e sul Pil avanza le sue proiezioni: a bocce ferme il Pil del prossimo anno crescerebbe dello 0,9, la manovra produrrà uno 0,6: la somma è l’1,5 previsto dalla Nadef.
Neanche il tempo di tirare il respiro e ieri sera una nuova doccia fredda si è riversata sull’Italia. L’agenzia di rating Fitch ha emesso una nota in cui si rileva che “ i nuovi obiettivi di deficit contenuti nella Nadef mettono a rischio i conti” e che la situazione è resa più pesante dalle “tensioni dentro la coalizione”. Fin dal 2020 debito e deficit cresceranno più delle stime del governo e il Pil del prossimo anno sarà solo dell’1,2 per cento.
Tornando a Tria, di fatto quella di ieri è la prima informazione che viene dal Tesoro sulla ripartizione della manovra, dopo i comunicati congiunti di Lega e M5S e le indicazioni fatte filtrare da Palazzo Chigi. La manovra sarà di 36,7 miliardi di cui 21,7 saranno finanziati in deficit e 15 dovranno essere coperti. Ovvero, come si era ampiamente capito, il festeggiato 2,4 per cento di deficit- Pil basta appena per partire, coprendo la sterilizzazione dell’aumento dell’Iva e le spese indifferibili, poi c’è uno 0,4 per cento destinato, in parti uguali, a investimenti e ad una piccola porzione del contratto. Morale: bisogna trovare 15 miliardi di coperture che Tria, per la prima volta, declina: 8,1 aumenti di entrate e 6,9 miliardi di tagli.
Tria consegna l’atteso elenco da 36,7 miliardi. Parte da legge Fornero e reddito di cittadinanza che costeranno, sommati, 16 miliardi, non scioglie il “ nodo” di quanto andrà all’una e all’altra: sarà oggetto del braccio di ferro degli ultimi giorni. Poi assegna 600 milioni alla flat tax per 2019: a testimonianza del clima teso Salvini subito si inalbera e reclama 1,7 miliardi, salvo poi scoprire – dopo nota del Tesoro – che nella media dei tre anni la somma si avvicina a 1,7 miliardi. Al menù, elencato da Tria, si aggiungono gli investimenti pubblici ( 3,5 miliardi), pubblico impiego (1,8 miliardi), le spese indifferibili (2,3 miliardi) oltre ai 12,5 miliardi per l’Iva.
Il problema a questo punto è quello delle coperture. Trovare 8,1 miliardi di aumento di entrate non è facile e lo sguardo si posa sulle agevolazioni fiscali ( 2 miliardi dalla scure sulle detrazioni). Sul fronte tagli si punta alla spending review, dalla quale si conta sempre di poter recuperare 2- 3 miliardi: 500 milioni saranno intanto tolti alla Difesa e 500 agli altri ministeri.
Nelle tabelle di Tria non c’è la voce condono: il decreto slittato a lunedì nelle bozze parla di 11 miliardi in cinque anni. Ma sul testo che prevede una rottamazione ter, con pagamento delle imposte dovute e sconto su interessi e sanzioni per cartelle e accertamenti iscritti a ruolo, c’è maretta. I 5stelle vorrebbero inserire una sanatoria completa, al 15 per cento, per i mini-ruoli sotto i 1.000 euro. I leghisti non obiettano ma rilancerebbero con una sorta di voluntary per il contante emerso con la possibilità di chiudere la partita al 15%.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa