Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tre cavalieri stranieri pronti per il risiko

Due francesi e una tedesca. Sono le grandi banche commerciali europee che hanno messo radici in Italia: Crédit Agricole, BnpParibas e Deutsche Bank. Tre colossi del credito arrivati nella Penisola per strade diverse, con pochi punti di contatto, che hanno saputo importare un modo originale e redditizio, nel tempo, di fare banca. Ma oggi, alla vigilia di quello che sarà un momento di consolidamento dell’intero sistema bancario nazionale, ancora caratterizzato da un numero eccessivo di piccoli e medi istituti che rendono inefficiente l’industria creditizia nel proprio complesso, sono in molti a guardare ai tre cavalieri d’Oltralpe nella ricerca di un polo aggregante. Sarà così? 
La partita è tutta da giocare e per ora, sia in francese che in tedesco, ognuno si affretta a prendere tempo. Eppure le occasioni non dovrebbero mancare.
L’Italia è un Paese finito ai margini del Vecchio continente, che però mantiene un appeal interessante, sta recuperando, anche agli occhi di chi arriva da Parigi o da Francoforte. È il Paese della seconda industria manifatturiera d’Europa, e ha una propensione al risparmio che è più alta della media europea (12,5 per cento contro 11). Fattori che pesano. Basteranno a vincere le resistenze?
Giampiero Maioli (Crédit Agricole), Fabio Gallia (Bnl-BnpParibas) e Flavio Valeri (Deutsche Bank), assicurano che ogni decisione del genere viene presa dalla capogruppo e qui non possono essere smentiti. Ma i dossier ci sono. La stagione delle assemblee, appena iniziata, va a chiudere un’epoca. La volontà politica riformatrice di questo governo è toccata con mano dalle popolari, chiamate a trasformarsi in società per azioni entro i prossimi due anni. L’effetto dirompente di una vigilanza creditizia europea sta solo iniziando a sviluppare i propri effetti. La capacità patrimoniale di questi istituti non si discute. Già in passato i due gruppi francesi sono intervenuti sul mercato italiano a sanare situazioni delicate. Con un blitz BnpParibas sull’allora Banca Nazionale del Lavoro, con un piano più misurato, certosino quasi, il Crédit Agricole che arrivò a Cariparma per effetto della fusione tra Intesa e Sanpaolo. A Cariparma si sono poi unite altre banche, realtà locali radicatissime che hanno trovato nel gruppo francese le condizioni per raggiungere un ulteriore sviluppo.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa