Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Trattamento ad hoc per crediti e dividendi

Un secondo tema tipico delle scissioni sul quale interviene incidentalmente la risoluzione 98/E del 26 luglio scorso è la corretta modalità per dividere tra le società risultanti da una scissione (cioè la scissa e la beneficiaria) le posizioni soggettive detenute dalla società “scindenda”.
Il tema è trattato dall’articolo 173, comma 4, del Tuir, secondo cui le posizioni soggettive (e i relativi obblighi strumentali) vanno divisi tra le società risultanti, in proporzione alle quote di patrimonio netto contabile trasferito (alla beneficiaria) o rimasto (alla scissa).
Per fare un esempio del significato concreto di “posizioni soggettive” possiamo citare la fattispecie, molto comune, della plusvalenza realizzata dalla società ante scissione e per la quale sia stata esercitata l’opzione per la rateizzazione quinquennale. Se la scissione interviene nel terzo anno dopo il realizzo, a quale soggetto compete eseguire la variazione in sede dichiarativa delle quote annuali di plusvalenza da tassare? A tale quesito risponde proprio il comma 4 dell’articolo 173 stabilendo che se, ad esempio, alla beneficiaria, fosse stato trasferito il 30% del patrimonio netto contabile, essa avrebbe anche l’onere di dichiarare il 30% delle quote residue di quella plusvalenza. Ciò a prescindere dal fatto che il credito eventualmente esistente, e relativo alla cessione del cespite che ha generato la plusvalenza, sia stato trasferito nella stessa proporzione.
Sotto questo profilo si parla di posizioni soggettive “connesse” e posizioni soggettive “non connesse”. Per essere più chiari, nell’ultimo periodo del comma 4 si aggiunge che se vi sono posizioni soggettive “connesse” tra loro, esse vanno attribuite interamente al soggetto cui è stata attribuita la posta principale, senza seguire il criterio della proporzionalità al patrimonio netto.
Per fare un esempio di posizione soggettiva “connessa” pensiamo a un dividendo contabilizzato dalla società ante scissione, ma non ancora incassato. La tassazione avverrà con l’incasso, ma questa posizione soggettiva non va ripartita tra scissa e beneficiaria bensì interamente imputata alla società cui è stato attribuito il credito, poiché solo questa potrà avere cognizione del momento del pagamento e di conseguenza capire quando va tassato il dividendo.
Gli esempi sopra proposti sono semplici, ma vi sono posizioni più complesse, come il caso del cespite rivalutato: in tal caso la riserva in sospensione d’imposta che si è formata con la rivalutazione è posizione soggettiva connessa? Essa va imputata interamente alla società cui è stato trasferito il bene rivalutato oppure è una posizione che segue il criterio proporzionale?
La risposta viene dalla risoluzione 98/E, quando afferma che la riserva da rivalutazione in sospensione d’imposta è posizione soggettiva connessa solo fino a quando perdura l’inefficacia fiscale della rivalutazione: a decorrere dal momento in cui la rivalutazione diviene riconosciuta anche fiscalmente, la riserva diviene posizione soggettiva ordinaria, quindi non connessa e pertanto va attribuita sia alla scissa sia alla beneficiaria rispettando il criterio proporzionale.
Sullo stesso argomento il Fisco si era pronunciato nel passato (risoluzione 5/98 e circolare 98/2000, par. 1.5.9), ma mai come ora in termini così chiari sul tema delle riserve da rivalutazione, che sono il caso certamente più frequente.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa