Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Trasparenza fiscale ancora nascosta

Entro lunedì prossimo, 1° ottobre, imprese e professionisti diversi dalle società di capitale potrebbero optare per il regime premiale della trasparenza. In teoria, basta barrare un codice nel modello Unico 2012 per poterne fruire dal 1° gennaio prossimo. Ma mancano i provvedimenti attuativi del direttore dell’agenzia delle Entrate e quindi i contribuenti non sanno che cosa fare.
L’attesa sembra destinata a durare ancora: l’ufficio stampa dell’Agenzia dichiara di non aver ancora ricevuto dagli uffici competenti alcuna comunicazione. A maggior ragione, resta da capire se poi i provvedimenti consentiranno in qualche modo di riaprire i termini per chi, in mancanza delle norme attuative, non se la sente di compiere una scelta al buio e quindi non rispetterà la scadenza di lunedì.Il nuovo regime è riservato ai contribuenti che svolgono attività artistica o professionale e attività d’impresa, ma solo in forma di individuale e di società di persone. Sono quindi escluse le società di capitali.
Il soggetto che opta per la trasparenza dovrà trasmettere in via telematica alle Entrate corrispettivi, fatture emesse e ricevute e risultanze di acquisti e cessioni per le quali non c’è obbligo di emettere la fattura. Inoltre, dovrà istituire un apposito conto corrente ove far confluire incassi e pagamenti dell’attività. La norma non prevede una soglia minima, per cui sarebbero tracciabili anche gli importi inferiori a 1.000 euro.
I benefici del regime premiale sono su due livelli. Il primo riguarda la generalità delle persone fisiche e società di persone, il secondo si riferisce ai soli soggetti in contabilità semplificata. I contribuenti che optano potranno fruire della semplificazione degli adempimenti amministrativi e delle agevolazioni in materia di accertamento.Inoltre, il regime premiale consente di usufruire del cosiddetto tutoraggio fiscale: l’Agenzia garantisce l’assistenza negli adempimenti, con l’impegno a predisporre liquidazioni periodiche Iva, modelli F24, dichiarazione annuale Iva, modello 770 semplificato, modello Cud e modelli di versamento periodico delle ritenute. Nell’ambito del tutoraggio fiscale c’è anche l’agevolazione più significativa: la soppressione dell’obbligo di certificare i corrispettivi con scontrino o ricevuta fiscale.
Infine, i contribuenti in regime premiale beneficiano di un’anticipazione nella compensazione del credito Iva e sono preferiti nell’erogazione del suo rimborso. Perciò sono previsti l’abolizione del visto di conformità del professionista per la compensazione di crediti superiori a 15mila euro e l’esonero dalla prestazione della garanzia per i rimborsi.
Il secondo livello di agevolazioni riguarda i contribuenti non in contabilità ordinaria: imprese in regime di contabilità semplificata e contribuenti minimi. Inoltre riguarda gli esercenti arti e professioni che, indipendentemente dall’ammontare dei compensi, non hanno optato per la contabilità ordinaria ai sensi dell’articolo 3, comma 2 del Dpr 695/96.
Per tali soggetti sono previste ulteriori agevolazioni, come la determinazione del reddito ai fini Irpef col criterio di cassa anche per le imprese e la predisposizione da parte dell’Agenzia delle dichiarazioni Irpef e Irap (compito che tuttavia appare non sostenibile in quanto troppo gravoso). Inoltre c’è l’esonero dalla tenuta delle scritture contabili rilevanti ai fini Irpef e Irap e del registro dei beni ammortizzabili. Peraltro questi contribuenti verserebbero l’Iva in un’unica soluzione.
Da subito il regime della trasparenza era apparso oltremodo ambizioso e difficilmente realizzabile. Ora il ritardo delle Entrate nell’attuarlo pare confermare questa tesi.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il testo è sul tavolo del premier, Mario Draghi, che ora dovrà decidere se dargli la forma di dec...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il consiglio di Generali si divide sulla lista del cda e e intanto gli acquisti in Borsa dei soci c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La delega fiscale nello stesso consiglio dei ministri che darà il via libera domani alla Nadef: è...

Oggi sulla stampa