Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Torna la fiducia in borsa

Giornata di acquisti per le borse, sulle quali è tornato il sereno dopo i timori di lunedì legati alla pandemia. A infondere fiducia negli operatori sono stati due elementi: le rassicurazioni del presidente americano Donald Trump sull’accordo commerciale con la Cina, che è «del tutto intatto», e i buoni dati macroeconomici nell’Eurozona, dove l’indice Pmi composito è rimbalzato in giugno più del previsto a 47,5 punti dai 31,9 del mese precedente. A Milano il Ftse Mib ha guadagnato l’1,86% a 19.841. Miglior listino del continente è stato quello di Francoforte (+2,13%), seguito da Parigi (+1,39%) e Londra +1,21%). A New York il Dow Jones e il Nasdaq avanzavano rispettivamente dello 0,88 e dell’1,37%.

Seduta all’insegna dell’ottimismo anche sull’obbligazionario europeo, con il rendimento del decennale tedesco salito a -0,40% e la contrazione dello spread Btp-Bund a 167 (-6 punti). Gli analisti di Indosuez Wealth Management spiegano che un significativo aumento dei rendimenti dei titoli di stato «non è probabile a breve, a causa della pressione al ribasso esercitata dagli acquisti di obbligazioni delle banche centrali: con queste ultime che acquistano obbligazioni sovrane e una forte domanda da parte degli investitori, è improbabile un significativo aumento dei tassi reali nel prossimo futuro».

A piazza Affari ben comprata Fiat Chrysler (+5,79%), che ha beneficiato dell’accelerazione del comparto auto in tutta Europa innescato da Toyota. La casa giapponese ha rivisto al rialzo le previsioni per il mese di luglio. Inoltre è atteso a breve il via libera al prestito da 6,3 miliardi per Fca.

In evidenza anche Buzzi Unicem (+3,18% a 20,14 euro) grazie al giudizio positivo di SocGen, che ha avviato la copertura con rating buy e prezzo obiettivo di 24 euro. Su di giri anche Pirelli (+2,85%), Stm (+2,83%), Prysmian (+2,15%), Ferrari (+1,64%), Leonardo (+1,38%) e Cnh Industrial (+1,30%).

Denaro sul comparto bancario: Ubi è salita del 2,89%, Banco Bpm del 2,84%, Bper del 2,47%, Unicredit del 2,26%, Intesa Sanpaolo dell’1,72%. In gran spolvero Mps (+7,43%). Atlantia (+2,55%) ha beneficiato della nuova apertura al dialogo con il governo. Poco mosse le utility A2A (+0,31%), Terna (+0,03%), Hera (-0,12%), Italgas (-0,19%) e Snam (-0,39%). Su Moncler (+0,90% a 35,84 euro) Jefferies ha ridotto il rating a hold, con il target price in calo a 36 euro.

Tra le mid cap ha strappato al rialzo Tod’s (+11,04%), seguita da Brembo (+3,95%), mentre hanno perso terreno Cattolica (-3,25%) e Dea Capital (-2,92%). Poco sotto la parità Autogrill (-0,08%), mentre su Aim ha brillato Innovatec (+20,18%).

Nei cambi, l’euro è terminato in progresso sul dollaro a 1,1318.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa