Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tokyo non firma l’intesa con Uk finché non sa come finisce Brexit

In Giappone come a Bruxelles il Regno Unito è impantanato nella Brexit. Tokyo non ha fretta di concludere un accordo commerciale sulle quote di carne e di formaggio con Londra senza conoscere la natura futura dei rapporti tra l’Uk e l’Unione europea.

A Bruxelles, però, i progressi delle trattative sulle condizioni del divorzio sono molto limitati sui temi chiave e al momento non ci sono le condizioni per passare alla fase due che dovrà stabilire le relazioni future fra Londra e l’Unione.

Per gli inglesi sono tre le priorità: le sorti dei sudditi, la frontiera tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica d’Irlanda e il conto da pagare a Bruxelles. Sui primi due punti sono stati fatti passi avanti: si è esplorata la possibilità di mantenere un riconoscimento reciproco dei diplomi fra la Ue e il Regno Unito o di prolungare la copertura sanitaria dei cittadini. Londra ha anche assicurato agli europei che sarà mantenuta l’attuale zona di libera circolazione tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica di Irlanda. A bloccare, invece, è ancora la questione del conto da pagare e il metodo di calcolo dell’assegno che Londra dovrà staccare prima di chiudere la porta. Gli inglesi, però, non vogliono versare più del budget che avrebbero dovuto a Bruxelles il giorno prima della Brexit, mentre i 27 non vogliono pagare per gli impegni presi a 28. Vista da prospettive opposte, il conto finale oscilla da 25 a 65 miliardi di euro secondo il think tank Bruegel ripreso da Le Monde. La battaglia è in mano ai giuristi che dovranno definire esattamente quanto il Regno Unito deve alla Ue. Proprio dall’accordo economico tra l’Uk e Ue dipende il prosieguo delle trattative a Bruxelles mentre Londra ha fretta di passare a negoziare il futuro accordo di libero scambio nell’interesse delle imprese e la prosperità del popolo britannico e del resto della Ue. Accordo che per Londra non può essere soggetto a ricatti.

In questa situazione bloccata, Tokyo ha deciso di vedere come va a finire tra Uk e Ue prima di firmare a sua volta accordi commerciali con Londra. Il primo ministro britannico, Theresa May, nel suo viaggio in Giappone sperava di intavolare trattative sul partenariato commerciale e invece ha ottenuto soltanto una promessa formale dal premier Shinzo Abe che il Giappone lavorerà a un accordo dopo la Brexit allineandosi all’intesa che sarà raggiunta da Uk con la Ue. Per il Giappone il mercato europeo, ben più importante di quello britannico, è prioritario. E per questo non tratterà con l’Uk prima di aver regolato tutti i dettagli del proprio accordo con Bruxelles. I britannici, dunque, non spunteranno con il Giappone condizioni migliori per le loro esportazioni di quelle concordate tra il Giappone e la Ue. E il premier Theresa May ha dovuto riconoscere che le trattative con Tokyo si faranno sulla base dell’accordo finale tra la Ue e il Giappone.

Angelica Ratti

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vasto entusiasmo ha suscitato la recente pronunzia della Corte di Giustia Ue, con la conferma del gi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ha scelto la giornata delle donne Mario Draghi per il suo secondo discorso pubblico da presidente de...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le obbligazioni assunte nell’esercizio dell’attività d’impresa o professionale, per «nozione...

Oggi sulla stampa