Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tlc, giro di vite contro i furbetti

Stretta dell’Agcom agli operatori telefonici per la stipula dei contratti a distanza. L’operatore che intende concludere per telefono un contratto per la fornitura di servizi di comunicazioni elettroniche deve fornire al consumatore, nel corso della comunicazione telefonica, l’identità dell’operatore, lo scopo commerciale della telefonata, le generalità o, quantomeno, il codice identificativo dell’incaricato chiamante e la procedura da seguire per il perfezionamento del contratto. Questo è quanto previsto dal regolamento dell’Agcom (l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni) dell’1 ottobre 2015, rubricato «Tutela degli utenti in materia di contratti relativi alla fornitura di servizi di comunicazione elettronica». Gli utenti possono scegliere liberamente e consapevolmente il proprio operatore, limitando il pericolo di attivazioni non richieste o richieste sulla base di informazioni incomplete o fuorvianti. Gli utenti finali esercitano liberamente il proprio diritto di stipulare contratti con uno o più operatori di comunicazioni elettroniche. Gli operatori adeguano i propri modelli contrattuali e adottano tutte le misure necessarie affinché gli utenti ricevano in modo chiaro, dettagliato e facilmente comprensibile tutte le informazioni necessarie, al più tardi al momento della stipula del contratto. Il regolamento intende anche rispondere alle urgenti esigenze di maggiore chiarezza riguardo a rimodulazioni contrattuali decise unilateralmente da alcuni operatori.

Trasparenza delle modifiche delle condizioni vigenti. Dall’1 ottobre in poi la comunicazione delle modifiche delle condizioni vigenti deve essere trasparente, efficace e realizzata secondo un format stabilito dall’Autorità. Per quanto riguarda la durata dei contratti si precisa, inoltre, che l’impegno minimo iniziale non potrà superare, per i consumatori, i 24 mesi. Al fine di garantire che l’acquisizione di nuovi clienti avvenga secondo criteri di buona fede, correttezza e trasparenza, il regolamento, con il coinvolgimento delle associazioni dei consumatori rappresentative a livello nazionale, mira a promuovere l’adozione di specifici codici di condotta.

Gli operatori adottano tutte le misure necessarie a evitare la fornitura di beni o servizi in assenza di un contratto consapevolmente e liberamente concluso dall’utente, in particolare nel caso in cui il contratto comporti la portabilità del numero o il passaggio da altro operatore. Nel caso di contratti che devono essere conclusi per telefono, il consumatore è vincolato al contratto dal momento in cui invia all’operatore la propria accettazione dell’offerta per iscritto o su supporto durevole; da tale momento decorre anche il termine per esercitare il diritto di recesso. Se il trasferimento di una utenza ad altro operatore avviene contro la volontà dell’intestatario, l’impresa responsabile non pretende alcun corrispettivo per le prestazioni erogate e provvede, a propria cura e spese, al rimborso delle somme indebitamente corrisposte dall’utente in ragione del trasferimento e al ripristino delle condizioni tecniche e contrattuali preesistenti, nonché a erogare gli indennizzi dovuti. Per i contratti di fornitura di beni e servizi di comunicazioni elettroniche conclusi a distanza o fuori dai locali commerciali, gli operatori, al momento della conclusione del contratto, forniscono agli utenti tutte le informazioni relative alle eventuali modifiche o restrizioni del servizio di natura tecnica o economica.

Conclusione del contratto. Se il consumatore accetta di concludere il contratto, l’operatore invia la conferma dell’offerta, contenente tutte le informazioni di cui all’articolo 70 del codice delle comunicazioni, presso l’indirizzo comunicato dal cliente. Previo consenso esplicito del consumatore, la conferma può essere inviata dall’operatore anche su supporto durevole, per esempio come allegato a un’e-mail, o tramite invio o comunicazione di un link di accesso a un account privato nella titolarità del cliente finale sul sito web del venditore contenente le informazioni indirizzate al cliente, a condizione che le medesime informazioni non possano essere rimosse o modificate unilateralmente dal venditore. Il contratto si considera vincolante per il consumatore dal momento in cui questi comunica all’operatore l’accettazione dell’offerta, dopo aver preso visione della conferma dell’offerta. Detta comunicazione può essere resa anche su supporto durevole, per esempio tramite e-mail o sms, ovvero mediante accettazione telematica. Il termine per esercitare il diritto di recesso, di cui all’articolo 52 del codice del consumo, decorre dal momento in cui il consumatore invia all’operatore la comunicazione . Gli utenti finali esercitano liberamente il proprio diritto, di stipulare contratti con uno o più operatori di comunicazioni elettroniche.

Restrizione servizio. L’operatore fornisce adeguata informativa relativamente alle eventuali modifiche o restrizioni del servizio di natura tecnica o economica che possano derivare dalla conclusione del contratto, chiarendo, in caso di passaggio tra operatori:

– che la conclusione della procedura di passaggio comporta la cessazione definitiva del rapporto con il precedente fornitore del servizio;

– per i contratti conclusi con i consumatori, che se l’interessato ne autorizza l’esecuzione prima della scadenza del termine per esercitare il diritto di recesso, di cui all’articolo 52 del codice del consumo, il successivo esercizio di tale diritto potrebbe comportare la necessità di stipulare un nuovo contratto, non essendo garantito il ripristino automatico della situazione contrattuale precedente. Nei casi in cui il consenso alla conclusione del contratto sia stato prestato dall’utente a mezzo telefono, il titolare dell’utenza deve ricevere in forma scritta o, se acconsente, su altro supporto durevole a sua disposizione, un apposito modulo di conferma del contratto, contenente tutte le informazioni elencate all’articolo 70, commi 1 e 3, del codice. In tali casi, l’adempimento degli obblighi informativi nonché l’eventuale consenso a ricevere la conferma dell’offerta su supporto durevole, possono risultare dalla registrazione della conversazione telefonica, previo consenso dell’interessato alla registrazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa