Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tiscali, raggiunto l’accordo sul debito con le banche

Tiscali raggiunge l’accordo sul debito con le banche. La società sarda ha firmato un accordo di rifinanziamento con Intesa Sanpaolo e Bpm sull’indebitamento senior del gruppo a medio e lungo termine.
Il nuovo finanziamento di 88 milioni di euro, di cui 53 milioni verso Intesa Sanpaolo e 35 milioni verso Banca Popolare di Milano, consentirà, tra l’altro, il rimborso integrale dell’attuale debito senior in capo a Banca Intesa e ad alcuni hedge fund, in scadenza a settembre 2017 e ristrutturato nel 2014 nell’ambito dell’articolo 67 della legge fallimentare.
Tra le principali caratteristiche del nuovo finanziamento c’è la durata di circa sei anni: con una scadenza al 31 marzo 2022, che allunga significativamente i tempi di rimborso rispetto al precedente debito e contribuisce a rafforzare la struttura finanziaria del gruppo per i prossimi anni.
Il piano di rimborso prevede il pagamento di poco più di metà dell’importo finanziato in undici rate semestrali a partire da marzo 2017 da circa 4,3 milioni ciascuna e il saldo di circa 40 milioni in unica soluzione a scadenza nel mese di marzo 2022.
? Scende il costo complessivo delle linee di credito con un tasso di interesse annuo che si attesta su valori di oltre il 50% inferiori rispetto alle condizioni precedenti.
«Si tratta di un fondamentale passo per rafforzare ulteriormente la struttura finanziaria di Tiscali – spiega Riccardo Ruggiero, amministratore delegato di Tiscali – Le nuove condizioni di finanziamento porteranno ad una sensibile riduzione degli oneri finanziari, liberando risorse che potranno essere destinate ai piani di sviluppo della società e in particolare agli investimenti legati alla tecnologia».
L’accordo sul debito è dunque un altro passaggio sulla strada della ricerca del rilancio di Tiscali, iniziato nel 2014 quando la società sarda si è trovata di fronte a un contesto di mercato difficile per effetto delle limitate risorse a disposizione della società per sostenere la crescita. Il 2014 è però anche l’anno in cui il management conclude un importante accordo di riscadenziamento del debito con i senior lender, finalizzato proprio a ritrovare l’equilibrio finanziario e a liberare risorse al servizio della crescita. Proprio alla fine del 2014 c’è infatti l’annuncio del rifinanziamento del debito: pari a 140 milioni di euro in 3 distinte linee di credito.
Più o meno un anno dopo viene invece annunciata la fusione tra Tiscali e l’operatore broadband Aria.? L’operazione punta sulla futura integrazione della rete di trasporto di Tiscali e della rete di accesso wireless proprietaria di Aria.
? L’operazione consente di rimborsare l’indebitamento per circa 42 milioni e prevede sinergie e risparmi per circa 10 milioni all’anno. Così a fine 2015? i ricavi consolidati (senza l’impatto della sinergie con Aria) raggiungono quota 202,1 milioni (212,8 milioni registrati nel periodo corrispondente dell’esercizio 2014). Il risultato operativo lordo sale a 56,2 milioni e l’ebitda netto dopo gli accantonamenti a 39,1 milioni. Il risultato netto di gruppo resta però negativo per 18,5 milioni, rispetto al dato corrispondente del 2014 negativo per 16,4 milioni. I clienti broadband risultano in crescita a 541,8mila unità e quelli del mobile a 116,5 mila.
? Quindi arriva l’accordo di questi giorni con le banche. Dopo il rimborso avvenuto sui 42 milioni di prestiti e dopo aver onorato le altre scadenze, ora viene dunque finalizzato da Tiscali l’ultimo passaggio sul debito senior di 88 milioni.

Carlo Festa

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il testo è sul tavolo del premier, Mario Draghi, che ora dovrà decidere se dargli la forma di dec...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il consiglio di Generali si divide sulla lista del cda e e intanto gli acquisti in Borsa dei soci c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La delega fiscale nello stesso consiglio dei ministri che darà il via libera domani alla Nadef: è...

Oggi sulla stampa