Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il Tesoro ne approfitta e allevia le scadenze 2021

Una piccola operazione – non proprio di routine, ma neanche tanto infrequente – per dare un segnale al mercato che il Tesoro è cosciente dei rischi che lo Stato italiano correrà nel rifinanziare il suo enorme debito pubblico negli anni a venire. Oggi si terrà infatti un’operazione di concambio: saranno cioè emessi BTp con scadenza marzo 2032 per un massimo di 2 miliardi di euro e contestualmente riacquistati per lo stesso importo BTp e CTz che sarebbero stati rimborsati il prossimo anno e CcTeu con maturità dicembre 2022.

È la seconda volta quest’anno, dopo marzo, che il Tesoro procede con una mossa simile che, come sottolineano gli analisti di UniCredit Research,«è probabilmente volta a rendere meno gravosi i rimborsi dei prossimi anni». Il compito per il Mef non si esaurisce certo da qui a fine anno, quando dovrà ancora essere emesso un ammontare lordo di circa 70 miliardi di titoli a medio lungo termine per coprire i fabbisogno di questo 2020 che si è rivelato ben più oneroso del previsto causa Covid.

Nel 2021 giungono infatti a scadenza (e dovranno quindi essere rinnovati) quasi 212 miliardi di euro fra BTp, CTz e CcTeu: un conteggio che arriva a sfiorare i mille miliardi quando si considerano i prossimi 4 anni nel complesso. In teoria sembra essere il 2023 lo scoglio più difficile da superare con al momento 246 miliardi da rimborsare che prevedibilmente lieviteranno fino a raggiungere i 300 miliardi se si considerano i BTp triennali che saranno emessi entro il 2020 e anche i CTz (titoli a 24 mesi) che il Tesoro collocherà fino al termine del 2021.

Anche perché il 2023 resta in teoria l’anno in cui è previsto il rinnovo del Parlamento italiano e le tensioni sui mercati attorno alla delicata tornata elettorale sono ovviamente da mettere in conto. Ma soprattutto perché il sostegno eccezionale offerto in acquisto dalla Bce e legato all’emergenza pandemica potrebbe a quell’epoca (almeno ci si augura) essere venuto meno. Per questi motivi il Tesoro inizia a correre ai ripari con i suoi aggiustamenti: una goccia nell’oceano del debito italiano, ma significativa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Si chiama Revo ed è la Spac attraverso la quale Alberto Minali, ex amministratore delegato di Catto...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Numeri da record, nel confronto con un febbraio-marzo 2020 da lockdown, per i conti del primo trimes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo progetto di sviluppo molto sfidante per i prossimi cinque anni, che si basa su alcuni pilas...

Oggi sulla stampa