Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il Tesoro ne approfitta e allevia le scadenze 2021

Una piccola operazione – non proprio di routine, ma neanche tanto infrequente – per dare un segnale al mercato che il Tesoro è cosciente dei rischi che lo Stato italiano correrà nel rifinanziare il suo enorme debito pubblico negli anni a venire. Oggi si terrà infatti un’operazione di concambio: saranno cioè emessi BTp con scadenza marzo 2032 per un massimo di 2 miliardi di euro e contestualmente riacquistati per lo stesso importo BTp e CTz che sarebbero stati rimborsati il prossimo anno e CcTeu con maturità dicembre 2022.

È la seconda volta quest’anno, dopo marzo, che il Tesoro procede con una mossa simile che, come sottolineano gli analisti di UniCredit Research,«è probabilmente volta a rendere meno gravosi i rimborsi dei prossimi anni». Il compito per il Mef non si esaurisce certo da qui a fine anno, quando dovrà ancora essere emesso un ammontare lordo di circa 70 miliardi di titoli a medio lungo termine per coprire i fabbisogno di questo 2020 che si è rivelato ben più oneroso del previsto causa Covid.

Nel 2021 giungono infatti a scadenza (e dovranno quindi essere rinnovati) quasi 212 miliardi di euro fra BTp, CTz e CcTeu: un conteggio che arriva a sfiorare i mille miliardi quando si considerano i prossimi 4 anni nel complesso. In teoria sembra essere il 2023 lo scoglio più difficile da superare con al momento 246 miliardi da rimborsare che prevedibilmente lieviteranno fino a raggiungere i 300 miliardi se si considerano i BTp triennali che saranno emessi entro il 2020 e anche i CTz (titoli a 24 mesi) che il Tesoro collocherà fino al termine del 2021.

Anche perché il 2023 resta in teoria l’anno in cui è previsto il rinnovo del Parlamento italiano e le tensioni sui mercati attorno alla delicata tornata elettorale sono ovviamente da mettere in conto. Ma soprattutto perché il sostegno eccezionale offerto in acquisto dalla Bce e legato all’emergenza pandemica potrebbe a quell’epoca (almeno ci si augura) essere venuto meno. Per questi motivi il Tesoro inizia a correre ai ripari con i suoi aggiustamenti: una goccia nell’oceano del debito italiano, ma significativa.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa