Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Termini, Fiat apre agli incentivi

di Raffaella Polato

MILANO — Tempi supplementari. E un'ultima (parrebbe) mediazione da fare. Doveva essere, ieri, la giornata della svolta nelle trattative per il passaggio di Termini Imerese dalla Fiat alla Dr Motor. Non lo è stata del tutto ma qualcosa — non poco — si è in effetti smossa. Anche se per l'accordo occorrerà aspettare almeno lunedì. Quando i sindacati e gli uomini di Sergio Marchionne si ritroveranno, ancora, al ministero dello Sviluppo per cercare di sciogliere l'unico nodo che ancora blocca la vicenda: gli incentivi per accompagnare verso l'uscita definitiva i dipendenti (poco più di 500) vicini ai requisiti per la pensione.
«Tocca al Lingotto farsene carico», hanno sempre sostenuto Fiom, Fim, Uilm, Fismic, Ugl. E il Lingotto ieri, per la prima volta, ha aperto. La disponibilità c'è, dichiarata al tavolo dell'advisor Invitalia. La questione, ora, è di numeri. Torino, che martedì prossimo produrrà la sua ultima auto in Sicilia, ha evidentemente un «budget di chiusura». E nel relativo conto va messo il primo contributo promesso per agevolare la ripartenza dell'area: la cessione dell'impianto al prezzo simbolico di un euro. Solo che a questo punto, è il discorso fatto ieri dall'azienda, per gli incentivi alla pensione non è pensabile far riferimento ai parametri applicati normalmente dal gruppo. Così lunedì, al nuovo appuntamento, sul tavolo ci sarà la fotografia del costo possibile e di quello che la Fiat riterrà sostenibile. Quanti siano i lavoratori potenzialmente interessati si sa. Per quanti anni, e con quali importi, possano essere «accompagnati» alla mobilità «è il lavoro — dice Domenico Arcuri, numero uno di Invitalia — che faremo nei prossimi giorni: condivideremo con Fiat il perimetro e auspicabilmente sottoscriveremo l'accordo».
Non è altrettanto ottimista il sindacato. Non tutto, almeno. E c''è la Fiom, di nuovo, sulle barricate: «La richiesta di uno sconto è inaccettabile». Davvero però «rischia di saltare tutto»? Lo specchio forse può essere Grugliasco. Si trattava anche là, ieri, mentre a Roma si discuteva di Termini. E a Torino, alla fine, l'impasse si è sbloccato: l'impegno da mezzo miliardo è in partenza. D'altra parte, sono distensive le parole dello stesso Marchionne dagli Usa. Ha appena annunciato nuovi investimenti (1,7 miliardi di dollari) e nuove assunzioni (1.100) per la Jeep a Toledo. Ma con chi gli chiede dell'Italia abbandona i toni provocatori: «Ho fiducia che i cambiamenti avvenuti oggi a livello politico comincino a farci muovere in avanti. Mentirei se dicessi che non ho mai pensato a una base altrove: stabilità e governabilità sono tra le cose cui guardiamo. Ma non è nostra intenzione trasferirci: siamo impegnati nei confronti dell'ossatura industriale del Paese».
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Segnali contrastanti sul fronte Atlantia-Cdp. L’opinione prevalente è che la cordata coagulata in...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non si tratta solo di scegliere una nuova data a partire dalla quale si potrà di nuovo licenziare. ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La proroga del Temporary Framework europeo (il Quadro temporaneo sugli aiuti di Stato) consentirebbe...

Oggi sulla stampa