Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Telecom, utile doppio a 3,1 miliardi

di Giovanni Stringa

MILANO— Raddoppia l’utile di Telecom Italia. I dati del 2010, comunicati in serata dal gruppo, indicano un risultato netto di 3,12 miliardi di euro. L’aumento, del 97,4%sul 2009, scende però al +18,4%al netto delle partite non ricorrenti. Sono i numeri approvati ieri dal consiglio di amministrazione, che proporrà alla prossima assemblea un dividendo di 5,8 centesimi per le azioni ordinarie (5 centesimi nel 2009) e di 6,9 per le azioni di risparmio (6,1 centesimi nel 2009). In pista anche un piano di buy back fino a 800 milioni. I ricavi sono cresciuti a 27,571 miliardi, con un incremento del 2,5%. Ma in termini di variazione organica (escludendo quindi alcuni fattori come la variazione dell’area di consolidamento o le fluttuazioni del cambio) il fatturato si è invece ridotto del 3,8%. Quanto all’esposizione, il 2010 si è chiuso con un indebitamento finanziario netto rettificato («esclusi gli effetti meramente contabili e non monetari -si legge nella nota -derivanti dalla valutazione al fair value dei derivati e delle correlate attività/passività finanziarie» ) di 31,468 miliardi, in calo di 2,481 miliardi. Telecom -ha commentato l’amministratore delegato Franco Bernabè -ha generato «oltre 6 miliardi di operating free cash flow (flusso di cassa operativo, ndr)» . Il manager ha parlato di un «gruppo sempre più solido che può permettersi di guardare al futuro con serenità» e di un 2010 «di grande trasformazione» nel corso del quale è «migliorata considerevolmente la struttura patrimoniale» e si è «realizzato un rilevante recupero di competitività» . Sottolineata anche l’ «accresciuta presenza in America Latina» e «la continua capacità di recuperare efficienza» . In un anno, il 2010, in cui l’azienda ha firmato con i sindacati un’intesa che prevede 3.900 uscite in mobilità volontaria entro il 2012. Nell’ultimo trimestre del 2010 i ricavi sono arrivati a quota 7,7 miliardi (+11,2%), ma la variazione organica è stata negativa dello 0,8%. Cinque miliardi sono arrivati dall’Italia, in calo del 7,2%, dove scende anche il fatturato del servizio mobile, dell’ 8,9%. Mentre l’Ebitda, a 2,93 miliardi, è salito del 13,5%. Nella nota del gruppo si fa riferimento anche al consigliere Luigi Zingales che, si legge, «nel votare a favore dell’approvazione della relazione finanziaria ha rappresentato un voto contrario al processo di impairment test, in quanto avrebbe preferito che la società cogliesse l’occasione per effettuare una svalutazione del goodwill» , l’avviamento a bilancio per circa 43 miliardi di euro. E «si segnala -si legge sempre nel comunicato -che la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari è stata integrata con una specifica informativa sulla review interna nota come Progetto Greenfield (l’analisi condotta attraverso il supporto di Deloitte sulle cause che in passato hanno portato ad alcuni scandali come Sparkle e le sim false, ndr), i cui contenuti sono stati comunicati a Consob» . Chiuso il board di ieri, oggi è il giorno della conference call con gli analisti, in cui Bernabè illustrerà gli aggiornamenti del piano industriale, dopo il consolidamento della business unit argentina.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La segnalazione di Bankitalia su un’ipotesi di falso in bilancio rende legittimo il sequestro del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Illimity Bank e un’affiliata di Cerberus capital management hanno perfezionato un’operazione di ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

È ancora presto per dire che quello della raccolta di denaro fresco per le banche italiane non rapp...

Oggi sulla stampa