Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Telecom: Tim Brasil non è in vendita

Tim Brasil non si vende. Anche dopo l’uscita dal gruppo di Franco Bernabè, Telecom Italia non ha cambiato opinione sulla strategicità della controllata sudamericana. A ribadirlo è stato il presidente dell’operatore carioca, Rodrigo Abreu, che, in un’intervista a «O Estado de San Paolo», ha ricordato che «l’azionista di controllo ha esplicitato in maniera assolutamente chiara che non esiste alcun processo di vendita di Tim Brasil, nè formale, nè informale». Una posizione che risulta essere pienamente in linea con quella dell’ad della capogruppo, Marco Patuano, con il quale – ha detto il manager a capo dell’unità brasiliana – «i contatti sono frequenti». Si potrebbe, insomma, forse riflettere sulla presenza in Argentina, ma non sul Brasile. Ovviamente, ha osservato Abreu, tutto ha un prezzo: «Se qualcuno volesse pagare il doppio di quello che vale la tua auto, probabilmente ci penseresti». Il doppio in questo caso vorrebbe dire almeno 10 miliardi di euro per il 67% detenuto da Telecom Italia, un prezzo che solo un nuovo entrante sul mercato sarebbe forse disposto a riconoscere. Al contrario, in un’ipotesi di spezzatino con la ripartizione delle attività di Tim tra i suoi concorrenti su piazza (Telefonica, Oi e Slim), non sarebbe realistico, secondo fonti locali, pensare di spuntare più di 7 miliardi di euro.
Ma Abreu ha anche voluto sottolineare che Tim Brasil «continua col suo piano di investimenti da 3,6 miliardi di reais all’anno» e che Telecom Italia «non ha problemi di liquidità». Anche perché il gruppo tricolore – aggiunge – «ha una generazione di flussi di cassa invidiabile e margini per migliorare la sua performance operativa». E inoltre in Telecom «ci sono diverse discussioni in corso sul riequilibrio della struttura di capitale e sulla riduzione del debito, incluso un aumento di capitale».
Fonti vicine all’azionariato ricordano che nelle recenti modifiche dei patti Telco, Telefonica ha spuntato una call per rilevare, volendo, le quote dei soci italiani (all’equivalente di 1,1 euro per azione Telecom) a partire dal 1° gennaio dell’anno prossimo, ma Mediobanca, Generali e Intesa Sanpaolo non hanno invece una put per vendere i loro pacchetti agli spagnoli. Di conseguenza, i soci italiani hanno tutto l’interesse a proteggere il loro investimento residuo in Telco (poco più del 60% della quota originaria) e questo non si concilierebbe con una “svendita” del Brasile. Poichè Telecom ribadisce la volontà di investire in Italia per l’ammodernamento della rete – era questo il punto centrale del piano industriale al quale Patuano ha lavorato quest’estate – non si può escludere a priori che in futuro possa tornare d’attualità l’esigenza di un rafforzamento patrimoniale, anche se al momento l’ipotesi parrebbe essere accantonata.
Abreu ha anche chiarito che, dal punto di vista regolatorio, lo stato attuale dei nuovi accordi Telco non muta la situazione in Brasile, che restano cioè in vigore tutti i vincoli posti dalle autorità locali per assicurare la concorrenza tra le attività di Telecom e di Telefonica. Lo stesso presidente dell’Anatel (l’authority brasiliana delle tlc), Joao Rezende, ha confermato che l’attuale accordo Telco, allo stato, non muta la situazione. A riguardo delle dichiarazioni del ministro delle comunicazioni Paulo Bernardo, secondo il quale la soluzione migliore sarebbe la vendita di Tim Brasil, il presidente della società ha precisato che questa indicazione avrebbe senso nello scenario di una fusione tra i due gruppi europei, ma che non è questo il caso. Se poi Telefonica esercitasse l’opzione per aumentare la partecipazione in Telco-Telecom, con relativi diritti di voto, questo dovrebbe passare «dall’approvazione delle autorità italiane, brasiliane e argentine».
Intanto, mentre Telecom rallenta un po’ la corsa in Borsa – +1,39% a 0,6915 euro tra scambi che hanno interessato 160 milioni di pezzi – la Findim di Marco Fossati ha comunicato in Consob di essere salita sopra la soglia rilevante del 5%, passando, venerdì 11 ottobre, dal 4,99% al 5,004%. La Consob fa sapere che sta attentamente monitorando gli scambi, sia sul mercato ufficiale che over the counter.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa