Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Telecom, il Gip: «Archiviazione per Tronchetti»

Reca anche la firma del procuratore aggiunto Alfredo Robledo la richiesta di archiviazione accolta dal Gip Milanese Giuseppe Gennari nei confronti di Marco Tronchetti Provera nella vicenda delle presunte tangenti brasiliane di Telecom. La richiesta è stata siglata congiuntamente da Robledo (oggi al centro della delicata controversia che lo vede opposto al capo della procura Edmondo Bruti Liberati di fronte al Csm) e dal pm Antonio D’Alessio ed è datata 24 febbraio 2014. Mentre l’accoglimento della richiesta da parte del Gip Gennari è di nove giorni successiva. Dunque per i magistrati (requirenti e giudicanti) non è né dimostrabile né dimostrato che il flusso di denaro diretto, nel periodo che va dal 2003 al 2006, ai due consulenti Telecom Naji Nahas e Roberto De Marco abbia delle giustificazioni di natura illecita. 
In particolare i versamenti a Nahas, ingaggiato come consulente (con una delibera del Cda della Telecom che viene definita dai pm come «una formale investitura contrattuale») per tentare una mediazione nell’ambito della controversia sorta con i rivali brasiliani di Tronchetti, Daniel Dantas e Carla Cico, pur ponendosi, per i pm, in un contesto «complessivamente suggestivo» presenta intrinseche carenze nella «destinazione a fini di corruzione».
Quanto a De Marco i versamenti di denaro a suo nome troverebbero giustificazione nelle ragioni che contrapponevano Telecom e De Marco al comune antagonista Dantas e che avrebbe portato De Marco a una fattiva collaborazione con l’azienda telefonica italiana.
Insomma un’alleanza d’affari stretta per battere un comune competitor. E, di nuovo, nessun elemento di corruzione hanno riscontrato i pm su episodi puntuali, come il pagamento di 13 milioni di dollari avvenuto nel maggio del 2003 a Nahas in un hotel di San Paolo del Brasile. La ricostruzione degli eventi dei magistrati si è spinta sino a mettere in relazione eventuali nessi di tipo causale tra i versamenti di Telecom ai due consulenti ed eventuali atti decisi dalle autorità brasiliane rilevando l’«assenza di una diretta consequenzialità» tra le cose, così come non è stato possibile alla Guardia di Finanza del Nucleo di Firenze, provare pagamenti effettuati a funzionari brasiliani.
Per Tronchetti, dunque, più che un archiviazione, dunque, si tratta di un lavacro. Che ha ancora un’ombra: la condanna in primo grado a 1 anno e 8 mesi (pena sospesa con attenuanti generiche e indulto) riportata dal presidente di Pirelli & C e presidente esecutivo di Camfin. La vicenda riguarda l’acquisizione illegale (attraverso un’operazione di hackeraggio) di un dvd che conteneva dati che documentavano un’attività spionistica messa in atto da uomini della agenzia investigativa Kroll ai danni di Telecom e dei suoi uomini di punta, ancora una volta a vantaggio di Dantas e Cico. La data del processo di appello non è ancora stata fissata. Marzo favorevole, dunque per le vicende giudiziarie di Tronchetti che ha incassato l’archiviazione anche per la vicenda relativa all’uso distorto del sistema informatico battezzato «Radar» che, pensato inizialmente per tutelare gli utenti dalle truffe telefoniche , consentiva anche di estrarre i tabulati degli utenti dando luogo a possibili utilizzi illegittimi da parte della «security» della azienda italiana di telefonia guidata, allora, da Giuliano Tavaroli. Anche in questo caso i magistrati hanno accertato che il sistema era funzionante sin dal 1999 e, dunque, era operativo sin dal periodo in cui, alla guida del gruppo era Roberto Colaninno. Tronchetti, infatti, giunse al controllo di Telecom Italia (attraverso il veicolo Olimpia) solo nel 2001. Dunque criticità, possibili falle e altre potenziali problematiche legate alla sicurezza interna degli apparati Telecom , erano elementi preesistenti al suo ingresso in Ti.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa