Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Telecom, 3 mln di euro sulla Nuvola

di Claudia Cervini 

Telecom continua a investire nella Nuvola Italiana, ovvero nel cloud computing, lanciato per la prima volta un anno fa: un sistema che consente alle imprese e alle pubbliche amministrazioni la virtualizzazione di infrastrutture e applicazioni It svincolandole dalla gestione degli aspetti informatici.

Esempio di questa strategia è la nuova campagna di comunicazione partita ieri che ha visto un investimento di 1,5 milioni di euro suddivisi tra stampa (80%) e web (30%), in linea con quello precedente del mese di aprile. Mentre il budget totale destinato alla comunicazione sulla Nuvola quest'anno è pari a 3 milioni di euro, il 50% dedicato agli eventi che conservano un grande peso nella strategia aziendale.

Lo spunto sono i nuovi servizi e le nuove applicazioni che Telecom mette a disposizione dei clienti come la Nuvola It mobile Apps specificatamente rivolta a chi lavora in mobilità o la Nuvola It Data space che fornisce lo spazio necessario per archiviare i dati aziendali nei Data center di Telecom Italia. Mentre il claim «La Nuvola Italiana di Telecom Italia. L'unico cloud con la rete dentro» esprime il nuovo posizionamento che l'azienda intende assumere puntando sulla duplice possibilità di controllo della rete e delle infrastrutture informatiche come garanzia di un buon servizio di cloud computing.

«Questo lancio ha ridefinito il posizionamento dell'azienda che oggi si presenta, in relazione al cloud, come leader non solo nella gestione delle infrastrutture di rete, ma anche di quelle informatiche.

Proprio grazie a questa combinazione e a questa duplice funzione Telecom è in grado di offrire l'unico Cloud Computing in Italia affidabile e sicuro come richiesto dalle imprese», ha spiegato Simone Battiferri, responsabile della direzione top clients di Telecom Italia. L'intera campagna è infatti giocata su questo concetto messo in luce dal claim che evidenzia la competenza di Telecom nella gestione della rete, fatto che non può non incidere sul livello di servizio.

I servizi e le applicazioni presentate rispondono all'esigenza di lavorare in mobilità e in sicurezza e vengono stilizzate nella campagna con le immagini di una porta virtuale affacciata su un mondo in movimento, di un archivio appoggiato su una nuvola e di una rete custodita in un caveau: «Se la Nuvola It virtual desktop e la Nuvola It Mobile Apps vanno incontro ai mobile workers, a coloro cioè che lavorano in movimento rendendo fruibili i documenti e i dati core aziendali nella Nuvola svincolandoli da supporti fisici, la Nuvola It Data Space pone l'accento sull'archiviazione dei dati in sicurezza», spiega Stefano Nocentini, responsabile marketing della direzione top clients.

L'operazione è stata supportata da una comunicazione (iniziata l'anno scorso col primo lancio avvenuto in settembre) che in termini di visibilità e riconoscibilità del marchio ha pagato: «Abbiamo avuto il merito di appropriarci dell'icona della Nuvola che è poi diventata category brand aumentando quella che in marketing viene definita la brand reputation dell'azienda (la considerazione che gli utenti hanno del marchio ndr)», ha spiegato Marcella Logli, Responsabile della comunicazione top clients di Telecom Italia. La campagna ha visto un presidio di tutti i canali di comunicazione: «In questo lancio è stato destinato alla stampa quotidiana economico-finanziaria e periodica e alla radio l'80% del budget, mentre il restante è stato destinato al web che ha un peso crescente nella nostra strategia», ha aggiunto la manager. «In occasione della presentazione della Nuvola Italiana il settembre scorso è stato creato il portale dedicato www.nuvolaitaliana.it, abbiamo poi lavorato molto sui social network pubblicando anche video tutorial per raccontare i nostri prodotti e le nostre applicazioni».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La nuova autorità nasce il mese prossimo con l'obiettivo di colpire i traffici illeciti. Leggi ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alle imprese italiane che hanno fatto ricorso alle moratorie previste dall’articolo 56 del decret...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una spinta, sia pure indiretta, a una più complessiva riforma della riscossione (cui peraltro il G...

Oggi sulla stampa