Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tassi sui Btp in picchiata sotto il 3% ma per i Piccoli denaro sempre caro

Anche lo spread, a suo modo, ha due facce. C’è quella del debito pubblico, dove tra alti e bassi il differenziale Btp-Bund ha imboccato da tempo la strada della discesa. E c’è quella del debito privato, che racconta una storia diversa. Dai giorni convulsi dell’autunno 2011, quando aveva raggiunto i massimi, lo spread decennale Btp-Bund si è più che dimezzato (ieri viaggiava intorno ai 250 punti base, 10 punti sopra la vigilia per le nuove tensioni politiche). Nello stesso periodo è invece cresciuto, e non di poco, il differenziale «privato»: quello che le piccole e medie imprese pagano per finanziarsi, vale a dire la differenza tra il tasso sui prestiti sotto il milione di euro e l’Euribor a 3 mesi.
Certo, poi è arrivata la nuova grande recessione – la seconda nel giro di un lustro – e le sofferenze delle banche sono esplose. Ma quel 4,5% (in crescita) che, secondo le ultime statistiche, è oggi il tasso d’interesse medio sui nuovi prestiti alle aziende fino a un milione di euro, inevitabilmente prende in considerazione solo i finanziamenti effettivamente erogati. E non, quindi, quelli che non sono andati in porto perché, per esempio, il tasso proposto all’impresa – magari alle prese con la crisi – era troppo alto per essere sostenuto dai conti aziendali.
A scattare una fotografia della situazione ci ha pensato ieri la nuova «Analisi dei settori industriali» di Intesa Sanpaolo e Prometeia. Il rapporto fa un confronto molto ampio, tra il dicembre 2007 – prima del crac Lehman, delle due recessioni e della tempesta finanziaria mediterranea – e oggi. In questi sei anni l’Euribor a 3 mesi – con cui le banche si finanziano tra di loro – è sceso del 4,6% (460 punti base), mentre secondo le statistiche è calato di molto meno (circa il 2%) il costo medio e complessivo dell’indebitamento finanziario dell’industria manifatturiera. Anche qui sono presi in esame solo i finanziamenti effettivamente andati in porto: una considerazione non da poco, visto che ad agosto i prestiti alle imprese sono scesi del 4,6% rispetto a un anno prima. Sempre ad agosto, le piccole e medie imprese tedesche pagavano il 2,8% di tasso d’interesse contro il 4,5% di quelle italiane: una differenza di 170 punti base, certo più contenuta dello spread Btp-Bund, ma pur sempre notevole. Anche perché lo spread pagato dalle aziende italiane sull’Euribor a tre mesi supera i 400 punti base.
Tornando sul fronte «pubblico», ieri il Tesoro ha inanellato due aste con rendimenti in calo e domanda in crescita da parte degli investitori. Sono stati collocati sul mercato 3 miliardi di Btp a 10 anni, con un tasso medio del 4,11% (4,50% all’asta precedente) e un rapporto di copertura tra domanda e offerta dell’1,53% (prima era dell’1,38%). Venduti anche 3 miliardi di Btp a 5 anni, al tasso del 2,89% (ai minimi da aprile) e con una copertura in aumento all’1,65%. Ma, dopo una mattinata più promettente, lo spread Btp-Bund è tornato a salire fino a superare i 250 punti base: ai massimi degli ultimi 20 giorni, anche se ben al di sotto dei massimi «veri», quelli «over 500» di fine 2011. E ora? Secondo il ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, si va verso una «graduale riduzione: a 200 punti nel 2014 e 100 nel 2017». La parola passa adesso, di nuovo, al mercato.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Francia continua a essere apripista per il riconoscimento economico dei contenuti di informazione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Si avvicina il giorno in cui Monte dei Paschi dovrà dire alla vigilanza di Francoforte e al mercato...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sul Recovery Plan non esiste un caso Italia, ma un’interlocuzione molto positiva con la Commissi...

Oggi sulla stampa