Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tassi record al 7%, il debito frena

di Stefania Tamburello

ROMA — Torna alta la pressione sui titoli di Stato e i rendimenti volano fino quasi a toccare le punte massime raggiunte mercoledì della scorsa settimana. Le tensioni avvolgono l'intera Europa, rientrano sotto tiro anche i debiti di Belgio, Austria e Francia oltre che della Spagna, ma è ancora una volta l'Italia a soffrire di più mentre aumenta l'attesa per la formazione del nuovo governo da parte dell'ex commissario Mario Monti. Le difficoltà nelle trattative politiche che emergono a più riprese nel corso della giornata non aiutano certo a chiarire il quadro delle prospettive e a rassicurare gli investitori.
Le quotazioni vanno in altalena, mentre ancora una volta interviene, ma sempre con acquisti modesti, la Bce: lo spread tra i Btp decennali e i Bund tedeschi di uguale durata torna sopra i 500 punti base, tocca i 536 punti per poi chiudere a 526 punti con rendimenti che superano e poi si assestano sulla soglia critica, di allarme rosso, del 7%. L'asta suppletiva di Btp quinquennali (300 milioni in tutto) destinata agli specialisti va deserta. I contratti cds sul debito italiano a 5 anni, che assicurano dal rischio dell'insolvenza, segnano un nuovo massimo storico superando i 600 punti. La Commissione europea, il Fondo monetario internazionale e la Bce vigileranno «molto da vicino» i progressi sui conti pubblici dell'Italia, dice in una conferenza stampa a Bruxelles il presidente dell'Unione Europea Herman Van Rompuy precisando che il Paese deve affrontare un esercizio «delicato ma necessario».
A Piazza Affari le cose vanno meglio, non c'è la débâcle, anche se le perdite si allargano fino al 3% con Finmeccanica e Unicredit (al test della Borsa dopo l'annuncio del mega piano di ricapitalizzazione) che vengono sospese per ribasso. Il calo poi però si restringe, c'è un recupero e un nuovo scivolone fino alla chiusura in ribasso dell'1,08%, con il crollo del titolo Finmeccanica che lascia sul terreno il 16,27 scontando così la diffusione della trimestrale, molto negativa, e la notizia che non verranno distribuiti dividendi per il 2011. Fa peggio Parigi che cede l'1,92% mentre Francoforte perde lo 0,31%, Madrid l'1,39 e Atene il 4,71%. Wall Street gira invece in positivo. L'euro risente delle tensioni, si indebolisce e ripiega a 1,35 dollari. In serata a Washington il titolare del Tesoro americano Timothy Geithner ha detto che l'Ue sta facendo «progressi graduali» sulla strada per uscire dalla crisi finanziaria.
Intanto c'è da segnalare il calo a settembre, per il secondo mese consecutivo, del debito pubblico italiano. Il dato, comunica la Banca d'Italia, si è attestato a 1.883,749 miliardi, a fronte dei 1.899,553 miliardi di agosto e dei 1.911,769 miliardi del record storico toccato a luglio. La diminuzione del debito, pari rispetto al mese precedente a 15,8 miliardi riflette però soprattutto la diminuzione delle attività del Tesoro presso la Banca d'Italia (-29 miliardi, a 15,6 miliardi) a cui si contrappone il fabbisogno registrato in questo mese (13,2 miliardi).
Nei primi nove mesi del 2011 il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche al netto delle dismissioni mobiliari si è attestato a 63,7 miliardi, in calo di 2,1 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2010. Il miglioramento, viene sottolineato, è attribuibile principalmente all'aumento delle entrate fiscali (in particolare il gettito dell'Iva e delle accise sulle risorse energetiche), parzialmente controbilanciato dall'incremento della spesa per interessi. Secondo Bankitalia, che calcola i flussi di cassa le entrate nei primi 9 mesi dell'anno sono aumentate del 2,4%. Il Tesoro, che usa il criterio della competenza, ha comunicato un miglioramento del gettito dell'1,6%.
 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Fumata quasi bianca. Positiva però non ancora abbastanza da far considerare chiusa la partita. Ieri...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La parola che il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non voleva più nemmeno ascoltare, "lockd...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Nell’ultimo giorno utile per lo scambio dei diritti relativi all’aumento di capitale, il titolo ...

Oggi sulla stampa