Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tassi BTp all’1,76%, al top da un anno

Un anno fa il Ftse Mib di Piazza Affari quotava 22.500 punti (oggi è sotto del 25% rispetto a quei valori). Il prezzo del petrolio era a 46 dollari al barile (non distante dagli attuali 46,5 ma in rialzo del 64% rispetto ai minimi di febbraio). L’inflazione dell’area euro era allo 0,1%, molto più bassa dello 0,5% attuale. Il rendimento dei BTp a 10 anni era all’1,76%, esattamente come quello toccato ieri.
Escludendo l’andamento di Piazza Affari (che ha risentito dell’eccessivo peso nell’indice delle banche che hanno sofferto per l’introduzione del bail-in) le quotazioni di titoli di Stato e petrolio si sono riportate sugli stessi livelli di 12 mesi fa. Il recupero del prezzo del petrolio – che a febbraio era sceso a 28 dollari – ha fatto risalire l’inflazione e, soprattutto, le stime su come si muoverà nel futuro il livello dei prezzi. Attualmente queste proiezioni – ricavabili dall’indice 5y5y Eurozone che esprime le aspettative dei mercati su come sarà l’inflazione nell’area euro fra 5 anni (e per i successivi 5) – sono risalite a quota 1,5%, 20 punti base in più rispetto al mese scorso (quando erano all’1,3%).
Questo ci aiuta a spiegare in parte come mai da qualche settimana i gestori stanno alleggerendo le posizioni sui titoli di Stato con i rendimenti che stanno risalendo andando a incorporare uno scenario inflattivo differente. Le vendite sono generalizzate e non interessano solo il BTp. Ma il decennale italiano è certo tra più colpiti, perché appesantito dall’incertezza legata all’esito del referendum costituzionale del 4 dicembre. Il BTp ha sfiorato l’1,8% (con spread sul Bund a 158 punti a un soffio dai 161 toccati dopo la Brexit), un dato che sembra incredibile se si considera che a un mese fa era all’1,15% e che ad agosto è andato vicinissimo a rompere al ribasso la barriera dell’1%. Nell’ultimo mese i rendimenti italiani sono saliti di oltre 60 punti base. Un movimento simile solo a quello del Gilt britannici(il rendimento è salito di 60 punti base all’1,28%) per via di un aumento dell’inflazione nel Regno Unito. Gli altri principali bond governativi dell’Eurozona (a 10 anni) hanno visto i tassi risalire in media di 25 punti base. Della stessa misura con cui sono risaliti i rendimenti dei titoli statunitensi che stanno andando a incorporare, molto semplicemente, un rialzo dei tassi negli Usa a dicembre proprio di 25 punti base.
Nell’Eurozona, invece, dove è ancora in corso il piano di espansione monetaria della Bce (almeno fino a marzo 2017 ma i mercati scontano una proroga a dicembre) di rialzo dei tassi è troppo presto per parlarne. Quindi è evidente che gli investitori stanno prezzando le aspettative di una crescita dell’inflazione. Ma non si tratta dell’inflazione buona e duratura (quella che deriverebbe da un aumento dei salari che, a ruota, si ripercuoterebbe su consumi, fiducia sul futuro e investimenti) ma di quella cattiva e momentanea (quella tecnica, importata, da petrolio).
Allo stesso tempo gli investitori non vogliono restare con il cerino accesso in mano in una, quella sui titoli di Stato, che a molti da tempo è sembrata una bolla. Non a caso con le vendite di ottobre la quota dei titoli di Stato della zona euro “investment grade” con rendimento di mercato negativo è scesa al 45% rispetto al 49% del mese precedente. Per quel che riguarda le obbligazioni aziendali “investment grade”, la quota di quelle con rendimenti negativi è scesa al 23 dal 27%. Per quanto in discesa, si tratta in ogni caso di percentuali da bolla. E più di uno, ora che si avvicina la fine dell’anno – e magari c’è anche voglia di monetizzare i lauti guadagni offerti da questo mercato – sta vendendo.
Le Borse, invece, dopo l’ottimo mese di ottobre hanno iniziato male novembre. Piazza Affari ieri ha perso l’1,3% (in linea con gli altri listini). Si avvicina il rialzo dei tassi Usa e quindi le nuove obbligazioni difatti stanno via via diventando più competitive rispetto ai dividendi offerti dalle azioni. Ma soprattutto, ieri i mercati finanziari hanno accolto con preoccupazione gli ultimi sondaggi che narrano di un clamoroso recupero di Trump nei sondaggi verso le presidenziali in programma fra una settimana esatta.

Vito Lops

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

In anticipo su alcuni aspetti, ad esempio lo smaltimento dei crediti in difficoltà; in ritardo su a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le materie prime – soprattutto l’oro e il petrolio – sono tornate a regalare soddisfazioni all...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Apprezzamento unanime» per i dati di bilancio e conferma del sostegno all'amministratore delegato...

Oggi sulla stampa