Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tasse, il muro del 20 luglio L’ingorgo delle scadenze

Tasse a settembre causa Covid. La pandemia globale ha scatenato un effetto a catena anche in campo fiscale con una sequela di rinvii, sospensioni e nuovi calendari che hanno generato «l’ingorgo di luglio». In realtà il Dpcm di giugno aveva già disposto un rinvio al 20 luglio del versamento di imposte e contributi relativi alle dichiarazioni fiscali per i titolari di partita iva. Ma potrebbe non bastare.

A sostenerlo a gran voce sono i commercialisti italiani che hanno deciso di scrivere una lettera a perta al premier Conte e al ministro dell’Economia Gualtieri. «Essendo ormai imminente la scadenza del prossimo 20 luglio — ricorda Massimo Miani, presidente dei commercialisti — si rinnova come urgente priorità di tutti gli oltre 118 mila iscritti al nostro Ordine professionale la richiesta di proroga al 30 settembre del termine per i versamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi e dell’Irap 2020. Una proroga che peraltro è necessario disporre o annunciare ufficialmente con il massimo anticipo possibile rispetto alla data del 20 luglio, risolvendosi altrimenti in un ingiustificato “premio” a vantaggio dei contribuenti meno rispettosi delle scadenze».

La giornata del 20 luglio, infatti, si presenta come una sorta di «bollino rosso» del fisco: una particolare concentrazione di adempimenti che vanno dal pagamento del diritto annuale alla Camera di Commercio, all’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nel 2° trimestre per importi superiori a mille euro. E poi versamento dell’imposte e contributi previdenziali e assistenziali sulla base della dichiarazione dei redditi per titolari di partita iva e soci di società. Il tutto senza dimenticare che il 31 luglio si conclude con il botto: presentazione del modello per il rimborsi Iva trimestrale e quello per le operazioni effettuate con l’estero. Ecco perché la priorità adesso è la proroga almeno della dichiarazione dei redditi e dell’Irap. «Tutti gli adempimenti straordinari varati in questi mesi — continua Miani — uniti alle limitazioni lavorative per i dipendenti degli studi professionali a causa delle misure anti-contagio, hanno inevitabilmente sottratto il tempo necessario per la predisposizione delle dichiarazioni. Se a ciò si aggiunge la carenza di liquidità che colpisce gran parte dei contribuenti, si comprende la necessità di un rinvio al 30 settembre».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Nelle stesse ore in cui i contagi da coronavirus nel Regno Unito, in Spagna e la Francia crescono a ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Superato lo scoglio di referendum ed elezioni regionali il governo prova a stringere sulla riprivati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

In un contesto incertissimo per quanto riguarda le trattative tra Bruxelles e Londra su un futuro ac...

Oggi sulla stampa