Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tasse e bollette, agosto presenta il conto

di Francesca Barbieri

Famiglie italiane sempre più strette nella morsa dei rincari. Nonostante il rallentamento della corsa dell'inflazione a luglio – calmierata dal calo dei prezzi di frutta e verdura -, da Nord a Sud agosto porta in dote per molti cittadini un lungo elenco di aumenti. E a farne le spese saranno soprattutto i vacanzieri, scottati dall'ennesima fiammata della benzina, volata sopra quota 1,6 euro al litro, oltre che dall'impennata dei prezzi di traghetti, aerei e treni.

Ma anche per chi resta in città si preannunciano salassi: in diverse regioni, sono attesi rialzi dei biglietti del trasporto pubblico, decisi dagli enti locali per rispettare i vincoli di bilancio. La voce «mobilità» è solo uno dei capitoli di spesa destinati a calamitare sempre più risorse dal portafoglio degli italiani. Nuovi ticket, addizionali e tasse in aumento, bollette più salate sono in dirittura d'arrivo (si veda l'infografica a lato).

«Si tratta soprattutto di costi fissi – spiega Luigi Campiglio, ordinario di politica economica all'Università Cattolica di Milano – che colpiscono in misura molto più elevata i redditi bassi condannati a perdere potere d'acquisto». I servizi regolamentati (con tariffe stabilite da amministrazioni nazionali o locali, o da Authority) costano il 3% in più rispetto all'anno scorso secondo l'ultimo bollettino Istat sui prezzi al consumo. «Un ruolino di marcia – evidenzia Campiglio – che da due anni è superiore rispetto a quello medio dell'inflazione». E non si vedono segnali di rallentamento.

Trasporti

Il record spetta ai traghetti, +33% in un anno, tanto che l'Antitrust ha in corso l'istruttoria di un dossier sulle tariffe applicate sulla rotta verso la Sardegna. Ma anche gli aerei segnano un aumento a due cifre, +14,7%, e le autostrade sono al +9%, secondo Confartigianato che ha stimato in 2,9 miliardi il conto da pagare per le famiglie italiane a causa dei rincari, pari a 115 euro annui per nucleo. Viaggiare in treno costa l'8,7% in più, a causa del +7% del biglietto di Intercity, Espresso e Frecciabianca e del 2% per l'alta velocità, e dell'aumento delle tariffe dei convogli pendolari, con rincari fino al 30 per cento. Le ultime Regioni in ordine di tempo ad alzare i prezzi sono state Lombardia e Veneto, dove i rialzi entreranno in vigore da oggi. Il Pirellone ha deliberato la seconda tornata di aumenti, dopo quella di febbraio: +9,09% su biglietti e abbonamenti e si applicherà solo alle aziende con precisi standard di qualità. In Veneto il prezzo degli abbonamenti sale del 2% mentre i ticket semplici costeranno il 15% in più. Non sono da escludere rincari in Puglia, «ma solo dal 2012 sulla base dei tagli imposti da Roma» riferiscono dalla giunta regionale, e in Piemonte «in caso di raggiungimento di livelli qualitativi prestabiliti» spiegano dall'assessorato ai Trasporti, mentre nelle Marche è già deciso che dopo gli ultimi ritocchi scattati a inizio anno (+10%), arriveranno aumenti del 5% dal 2012.

Addizionali

Le Province, dal canto loro, continuano ad aumentare le addizionali sull'Rc auto: in 29 avevano già alzato il balzello un mese fa (si veda Il Sole 24 Ore del 27 giugno) e ora la quota è salita a 36, compresi sette capoluoghi di regione (Ancona, Bologna, Catanzaro, L'Aquila, Milano, Perugia e Venezia). «L'imposta sulla Rc auto – stimano dalla Uil, dipartimento politiche territoriali – comporterà aumenti medi dell'1,7% rispetto allo scorso anno, 45 euro a testa per gli automobilisti».

Quasi 200, invece, i Comuni che hanno deciso o sono in procinto di alzare l'addizionale all'Irpef (si veda anche il servizio a pagina 2), mentre l'addizionale regionale è aumentata in Calabria, Campania, Lazio, Molise e Puglia.

Utenze e rifiuti

Più salate anche le bollette di luce e gas. Sono infatti scattati da luglio i prezzi di riferimento: per l'energia elettrica l'Authority ha stabilito un rincaro dell'1,9%, pari a otto euro l'anno per famiglia, mentre sul gas si concentrano gli aumenti maggiori, equivalenti a 44 euro su base annua (+4,2%). La bolletta dell'acqua sale di oltre il 10% e per smaltire i rifiuti si spenderanno 10 euro in più all'anno.

«Nei prossimi tre anni – avverte Campiglio – i redditi delle famiglie saranno stretti fra la tenaglia di un'inflazione crescente, o nella migliore delle ipotesi stabile, con redditi nominali congelati e un aumento della pressione fiscale». A tutto svantaggio dei più deboli. Ma non solo.

«In questa fase abbiamo bisogno di sostenere la domanda – conclude Maria Cecilia Guerra, docente di Scienze delle finanze all'Università di Modena e Reggio Emilia – per far ripartire l'economia: l'aumento di tasse e tariffe rende più stringenti i vincoli di liquidità per i cittadini, anziché alleggerirli. Difficile pensare di far ripartire la crescita del paese su queste basi».

 

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il progetto di fusione tra Fiat-Chrysler (Fca) e Peugeot-Citroën (Psa) si appresta a superare uno d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Davanti alle piazze infiammate dal rancore e dalla paura, davanti al Paese che non ha capito la ragi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Erogazioni in crescita l’anno prossimo per Compagnia di San Paolo, nonostante lo stop alla distrib...

Oggi sulla stampa