Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tasse, da aprile il 730 precompilato

Sul filo di lana. O appena dopo. Sì perché il 15 gennaio era la data per la pubblicazione dei modelli delle certificazioni dei dipendenti (il Cud, ora si chiama certificazione unica). L’Agenzia delle entrate si è presa tutto il tempo a disposizione per pubblicare sul suo sito la circolare interpretativa del modello 730 precompilato. E le date stavolta hanno un valore più alto: il termine di presentazione dei dati da parte di contribuenti e professionisti è il 7 marzo (che però è sabato e quindi si slitta al 9). Ma ogni giorno che passa è un macigno perché il compito è titanico: 7 pagine di modello, 115 pagine di istruzioni operative, 297 campi da compilare. 
Sono questi i numeri della certificazione unica, necessaria per la predisposizione del 730 precompilato (che a sua volta ha 131 pagine di istruzioni). Un ossimoro fiscale che prevede una montagna di adempimenti per produrre un modello di semplificazione.
I dati da trasmettere sono quelli relativi ai redditi fiscali e le retribuzioni previdenziali dei lavoratori dipendenti o parasubordinati, nonché i redditi dei lavoratori autonomi e i redditi diversi. «Cosi però risulta difficile garantire quello che ci viene richiesto – spiega Marina Calderone, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro -. Non bisogna infatti mai dimenticare che una volta diventati ufficiali i modelli, le software house dovranno aggiornare i programmi gestionali, rilasciando le release utili ad elaborare i dati richiesti». Scongiurata l’ipotesi del ritardo, rimangono le criticità già evidenziate da tempo dagli addetti ai lavori. I dati da presentare entro la scadenza sono numerosi e i termini rischiano di diventare incompatibili con la possibilità per le aziende di recuperare tutte le informazioni utili a una corretta compilazione dei dati. Facciamo un esempio, un fattura con ritenuta d’acconto emessa a dicembre 2014 è possibile registrarla entro 60 giorni: quindi entro la fine di febbraio. A questo punto, il professionista ha solo pochi giorni per effettuare le registrazioni e predisporre la certificazione.
Cosi come i conguagli fiscali di fine anno sulle buste paga: è possibile predisporli entro il 28 febbraio. E quindi si avranno solo 7 giorni per produrre la certificazione unica. Il ritardo di ieri quindi innesca un domino che condizionerà (e potrebbe pregiudicare) il lavoro delle aziende e degli studi professionali. Il tutto senza dimenticare che è prevista una sanzione di 100 euro per ciascuna certificazione contenuta nel file inviato in ritardo che andrà a carico del datore di lavoro.
Intanto all’orizzonte si profila un ulteriore ingorgo di scadenze per contribuenti e professionisti. Infatti entro il 16 febbraio dovranno essere predisposti i calcoli per il pagamento dei premi Inail dei datori di lavoro e entro il 28 febbraio deve essere trasmessa la denuncia dei salari. Nello stesso periodo bisognerà fare i conti con la certificazione unica. E il tempo scorre inesorabile.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le recessioni impattano sulle pensioni future. Ma un Pil allo zero virgola fa anche peggio. Un Paese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’efficace contrasto al fenomeno mafioso sempre più pervasivo nel tessuto imprenditoriale ed econ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Parte la possibilità per le imprese di ottenere liquidità per un milione di euro a fronte di aumen...

Oggi sulla stampa