Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Tar, legali in affanno sugli atti online

Tra le criticità le differenze del sistema rispetto a quello del rito civile e i limiti di dimensione dei file
Il sistema funziona, ma gli avvocati faticano a usarlo. È questo il primo bilancio, secondo gli operatori, della sperimentazione del processo amministrativo telematico (Pat), conclusa mercoledì 30 novembre. Le prove tecniche sono partite il 10 ottobre per testare il sistema in vista dell’avvio fissato al 1° gennaio (salvo altri rinvii). Mentre fino al 22 dicembre è disponibile un ambiente di test per consentire ai legali di esercitarsi.
Dalle segreterie dei Tar, in particolare, sono state rilevate criticità sull’invio del «modulo di deposito» da parte degli avvocati: in alcuni casi è stato spedito più volte (quindi, sono stati generati automaticamente numeri di ruolo differenti per il medesimo ricorso), in altri è risultato incompleto o irregolare. Errori dovuti soprattutto alla difficoltà nell’approcciarsi a un sistema piuttosto complesso e, per alcuni aspetti, diverso da quello già in uso nel processo civile telematico.
L’avvocato alle prese con il deposito telematico di un atto per un processo amministrativo è meno guidato rispetto a quel che accade nel Pct. La piattaforma del Pat, infatti, non “ferma” la spedizione se l’atto è incompleto, mentre il sistema del Pct non consente di effettuare il deposito se mancano elementi fondamentali.
Il «modulo di deposito» che il difensore deve inoltrare a mezzo Pec alla segreteria competente costituisce la “busta” in cui vanno inseriti tutti gli atti e i documenti da produrre e che va firmata digitalmente, ma con un sistema diverso dal Pct: nel Pat si usa la firma digitale Pades (Pdf Advanced Electronic Signatures), mentre nel Pct si utilizza la Cades (Cms Advanced Electronic Signatures). La prima non modifica l’estensione del file, leggibile con i comuni reader (come Adobe), mentre la seconda aggiunge l’estensione .p7m al file firmato e servono appositi software per la lettura.
Il Pat segue il Pct sul limite di dimensione degli allegati. Anche nel Pat vale il tetto di 30 megabyte per il modulo di deposito: si tratta di circa 300 pagine di fogli dattiloscritti e passati allo scanner o, indicativamente, di dieci fotografie.
È però prevista la possibilità di un upload, cioè il caricamento diretto sul sito istituzionale della giustizia amministrativa (www.giustizia-amministrativa.it ). In questo caso il limite massimo è 60 megabyte, ogni file può arrivare a 10 megabyte e si possono effettuare depositi multipli di moduli con dimensioni inferiori. Ma gli avvocati devono fare attenzione all’orologio: la durata massima della sessione di caricamento con upload è di 45 minuti. Inoltre, il Dl 168/16 ha introdotto un altro fattore di flessibilità sulle dimensioni dei depositi: il Segretario generale della giustizia amministrativa può stabilire, con decreto, i limiti delle dimensioni dei singoli file allegati al modulo di deposito effettuato mediante Pec o upload; e in casi eccezionali i magistrati possono autorizzare il deposito cartaceo (si pensi a piani regolatori o elaboratori progettuali complessi).
C’è, infine, la questione delle notifiche. Per ora, come ha ribadito il Consiglio di Stato (sentenza 4727 del 16 novembre scorso) il ricorso notificato in via telematica è inammissibile, a meno che non ci sia stata l’autorizzazione del giudice. Solo con la piena operatività del Pat si aprirà la strada alle notifiche telematiche. Ma gli avvocati dovranno fare attenzione alle notifiche alle Pa. In questi casi si possono usare solo gli indirizzi Pec che risultano dai «pubblici elenchi» previsti dall’articolo 16-ter del Dl 179/2012. E, dato che dopo le modifiche introdotte dalla legge 114/2014 nei «pubblici elenchi» non è più incluso l’Ipa (l’indice Pa, che è completo), si può attingere, a pena di nullità, solo all’elenco presso il ministero della Giustizia; a oggi, tuttavia, non tutte le Pa hanno comunicato al ministero il loro indirizzo Pec, nonostante il termine sia scaduto già il 30 novembre 2014. Quella della notifica telematica resterà una facoltà; ed è un bene, dato che in molti casi, nei fatti, non sarà possibile effettuarla in modo corretto.

Donato Antonucci

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Siamo certamente partiti con il piede giusto». Carlos Tavares, amministratore delegato di Stellan...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«L’intervento del Pnrr si colloca nel solco degli sfidanti obiettivi definiti in sede europea e n...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Squadre di lavoro ad hoc per asili e i nuovi “ospedali di comunità”. Si avvia la fase operativa...

Oggi sulla stampa