Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il tallone d’Achille di Londra è il riciclaggio

Il riciclaggio di denaro è il tallone d’Achille per il Regno Unito. Nonostante le 1.400 condanne, i 2 mila procedimenti penali e le 7.900 indagine relative al riciclaggio di denaro l’anno, il Regno Unito risulta essere ancora vulnerabile ai rischi legati al riciclaggio di denaro. Secondo il Gruppo d’azione finanziaria internazionale, Gafi, l’Unità di informazione finanziaria inglese (Uif) ha bisogna di aumentare le sue risorse, di essere modernizzato e riformato. Le minacce maggiori, in tema di riciclaggio di denaro proverrebbero principalmente, dai territori d’oltremare inglese, oltre che da altri centri finanziari internazionali. Il Regno Unito, è diventato dunque una delle vittime preferite, dei criminali, per un unico motivo: è uno dei centri finanziari più grandi e importanti al mondo. E dunque, i suoi legami internazionali, risultano essere fondamentali per poter per riciclare il denaro o evadere le tasse in altri Paesi. I crimini di riciclaggio che maggiormente interessano il Regno Unito, secondo il rapporto del Gafi, sono legati ai reati fiscali, alla droga, alla tratta di esseri umani e alla criminalità organizzata. Aspetto sottolineato più volte, in diversi commissioni europee (Commissione Ue speciale Tax 3) e dal report pubblicato settimana scorsa da Transaprency Internation Uk (si veda articolo dell’8 dicembre 2018). Altri rischi che il Regno Unito si trova ad affrontare sono le minacce del terrorismo internazionale. Questo genere di attività è stato però considerato di «basso livello», dato che coinvolge piccole quantità di denaro sporco. Minacce maggiori provengono invece dall’Irlanda del Nord. Qua la natura della minaccia terroristica si è sviluppata nel tempo e si è andata a legare sempre più alla criminalità organizzata locale, in modo da riuscire a raccogliere più fondi. Secondo il Gafi, il Regno Unito, per cercare di combattere i crimini legati al finanziamento al terrorismo e al riciclaggio di denaro, dovrebbe puntare a potenziare l’Unità di informazione finanziaria inglese. Come? Aggiornando i software del sistema, garantendo controlli automatici su più database collegati contemporaneamente, modernizzando i meccanismi di rendicontazione e migliorando la qualità di informazioni che vengono raccolte. Inoltre, si dovrebbe cercare di garantire un’adeguata intensità di supervisione per tutte le diverse categorie della popolazione. Questo implica la capacità di riuscire a distinguere un rischio alto da uno basso e di conseguenza, la capacità di impiegare le risorse adeguate per eliminare la minaccia esistente. Inoltre, secondo il Gafi anche l’Agenzia delle entrate inglesi deve iniziare ad impegnarsi nella registrazione puntuale di tutti i casi di riciclaggio di denaro evidenziati.

Giorgia Pacione Di Bello

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non ha tempi, non ha luoghi, non ha obbligo di reperibilità: è lo smart working di ultima generazi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sono entusiasta di essere stato nominato ad di Unicredit, un’istituzione veramente paneuropea e ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il primo annuncio è arrivato all’ora di pranzo, quando John Elkann ha rivelato che la Ferrari pre...

Oggi sulla stampa