Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Taglio in vista per 200 uffici

di Giovanni Negri

MILANO
Quasi 200 gli uffici giudiziari che potrebbero essere tagliati. L'operazione di riforma delle circoscrizioni giudiziarie prosegue, come più volte ribadito dallo stesso ministro della Giustizia, Paola Severino, e si avvia alla stretta finale. Il gruppo di lavoro messo in campo al ministero ha concluso l'attività e presentato alla Guardasigilli una relazione di oltre 40 pagine con la definizione dei parametri da utilizzare per i tagli e l'esito conclusivo. Che porta 37 tribunali e 160 sezioni distaccate come interessate dall'intervento. La relazione adesso sarà valutata con attenzione prima della decisione finale che andrà così a completare un progetto che ha già avuto, prima di Natale, un sostanzioso antipasto con il provvedimento che punta alla soppressione della gran parte degli uffici dei giudici di pace.
La relazione, però, procede con cautela e non definisce nel dettaglio i nominativi degli uffici che dovranno essere soppressi. Si tratta di una scelta che spetta, sottolinea il testo, all'autorità politica. Un diverso modo di procedere avrebbe reso il lavoro assai più esposto ai condizionamenti o almeno alle sollecitazioni delle diverse realtà locali. Che non a caso in questi mesi, da che la delega è stata approvata, hanno più volte fatto sentire la propria voce a tutele della razionalità o non eccessiva dispendiosità degli uffici locali.
Per quanto riguarda i tribunali, la legge in astratto avrebbe permesso la riduzione di 57 tribunali che non hanno sede nella città capoluogo di provincia, ma l'utilizzo di datti di fonte sia giudiziaria sia extragiudiziaria, relativi a un periodo di cinque anni compreso tra il 2006 e il 2010, ha portato invece a delineare un tribunale modello caratterizzato da un bacino di utenza di 363.769 abitanti (a fronte di una media nazionale di 345.606), 18.094 procedimenti sopravvenuti (con una media nazionale di 18.623), un organico di magistrati di 28 unità, a fronte di una media nazionale di 31, e un carico di lavoro annuo pari a 638/647 fascicoli.
Un profilo che poi è stato ulteriormente affinato per tenere conto delle diverse variabili suggerite dalla legge delega. Così, per esempio, per raggiungere l'obiettivo del più efficiente utilizzo delle risorse giudiziarie si è ritenuto di escludere la necessità di sopravvivenza di quegli uffici che hanno meno di 20 magistrati, ma non anche di quelli con un organico compreso tra 20 e 28. Si è raggiunta così una prima scrematura che poi per varie ragioni sia in termini di possibile recupero di produttività sia in termini di conservazione obbligatoria sulla base della delega ha condotto al numero di 37.
Sul fronte delle sezioni distaccate, invece, il taglio è stato ancora più netto e avrebbe potuto anche essere più drastico, visto che la relazione si interroga con perplessità sulla loro stessa esistenza, quando sarebbe meglio puntare invece su sportelli della giusizia telematici collegati agli uffici di riferimento.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Leonardo Del Vecchio stila la lista per il rinnovo del consiglio di amministrazione di Essilor Luxot...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Per capire la Ragioneria generale dello Stato bisogna aver visitato la sala di Via Venti Settembre d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Riflettori puntati sulla cessione della quota (il 62,50%) di Banca Profilo, oggi all’interno del p...

Oggi sulla stampa