Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Taglio agli sconti fiscali nuovo catasto e cuneo. Ecco il piano riforme che andrà a Bruxelles

Riforma del catasto, sforbiciata alle 444 agevolazioni fiscali, riduzione del cuneo contributivo a partire da giovani e donne, riforma dei voucher, privatizzazioni, vendita di terreni agricoli demaniali per giovani agricoltori. Sono questi i punti principali del Pnr, il Programma nazionale di riforma, che sarà varato alla fine della prossima settimana insieme al Def, cui farà seguito, a metà aprile, quello che il premier Gentiloni ieri ha battezzato «Dec», il decreto correttivo e per la crescita. La “manovrina” di 3,4 miliardi, conterrà tagli alla spesa dei ministeri, il rafforzamento dello split payment a contrasto dell’evasione dell’Iva mentre la parte accise sarà limitata probabilmente ad un aumento dei tabacchi. Gli ultimi dettagli, con il fondo triennale da tre miliardi per il terremoto e le misure per lo sviluppo, sono stati messi a punto ieri in un vertice tra Gentiloni e Padoan. Il messaggio a Bruxelles è: facciamo la correzione ma ci prepariamo anche per la crescita nel medio periodo.

Le riforme strutturali non si fermano
«Sostegno della crescita e consolidamento delle finanze pubbliche ». Sono queste le parole con le quali Pier Carlo Padoan traccia il percorso della nostra economia nel Pnr. Nella bozza, che Repubblica anticipa, si riafferma la necessità che le «riforme strutturali siano completate e attuate» e che «la spinta riformatrice non si esaurisca».

Il taglio del cuneo per giovani e donne
Il Pnr rilancia sul tema della riduzione pressione fiscale. In campo: taglio del cuneo contributivo per le fasce deboli. La riduzione del costo del lavoro, si spiega, avverrà «attraverso il taglio dei contributi sociali, iniziando dalle fasce più deboli, giovani e donne».

Nuovo catasto a metri quadri
Il documento indica la strada di «una valutazione più efficiente e di mercato dei valori immobiliari ». Il Pnr ribadisce che, con la revisione del catasto, il valore delle case sarà determinato dalla superficie e non dai vani.

Scure sulle detrazioni fiscali
L’obiettivo è quello di «rivedere » o «abolire» le spese fiscali «obsolete o duplicate». Il Rapporto sulle tax expenditures ha individuato 444 detrazioni e deduzioni fiscali: si va dalle 111 riferite a politiche economiche, alle 59 per la competitività delle imprese, alle 51 per diritti sociali e famiglia, fino alle 49 relative alle politiche del lavoro.

Luce e buoni pasto con acquirente unico
Continua l’azione di spending review. Nel 2018 si prevedono risparmi su beni e servizi per 708,9 milioni, l’obiettivo è quello di rafforzare l’azione di Consip. È prevista la sperimentazione, per i ministeri dell’Economia e dell’Interno, dell’acquisto centralizzato di energia elettrica e buoni pasto.

Avanti con le privatizzazioni
Il Pnr riafferma l’obiettivo di «continuare il processo di privatizzazioni » per ridurre il debito pubblico e fissa un arco temporale dal 2017 al 2019. Nessun accenno tuttavia a Poste e Ferrovie.

Vendita di terreni e federal building
Spinta al piano di razionalizzazione ed efficientamento energetico degli edifici pubblici: 130 iniziative per 1,4 miliardi. Di queste 34 riguardano i cosiddetti Federal building che consentiranno di concentrare nello stesso edificio tutti gli uffici pubblici. Prevista anche la vendita di 630 ettari di terreni agricoli a favore di giovani coltivatori.

Nuova regolazione dei voucher
«Particolare attenzione alla completa attuazione della riforma del mercato del lavoro», spiega il documento. Dopo l’abolizione dei voucher si mira ad introdurre una «nuova regolazione del lavoro accessorio». Sul fronte della lotta alla povertà si punta a rafforzare il Reddito di inclusione.

Energia meno cara
Si prospetta il varo di una «Strategia elettrica nazionale» anche per «ridurre il peso dei costi energetici sulle imprese». Nel piano anche la liberalizzazione del mercato elettrico e del gas per aprire pienamente il comparto retail entro il 1° luglio del 2018.

Roberto Petrini

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Francia continua a essere apripista per il riconoscimento economico dei contenuti di informazione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Si avvicina il giorno in cui Monte dei Paschi dovrà dire alla vigilanza di Francoforte e al mercato...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sul Recovery Plan non esiste un caso Italia, ma un’interlocuzione molto positiva con la Commissi...

Oggi sulla stampa