Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Svizzera, regole antiriciclaggio

Svizzera, al via la riforma antiriciclaggio e per i professionisti scatta l’obbligo di segnalazione delle operazioni sospette. Ma a essere presi di mira sono anche le associazioni e i commercianti di preziosi. Il Consiglio federale, l’organo esecutivo del paese, ha approvato mercoledì 26 giugno il disegno di legge per riformare le procedure antiriciclaggio di professionisti e intermediari. La riforma tiene conto delle principali raccomandazioni del Gruppo di azione finanziaria (Gafi) sulla valutazione del paese. Dal 1° giugno al 21 settembre 2018 il consiglio federale ha quindi posto in consultazione il progetto del Dipartimento federale delle finanze che ha elaborato dalle segnalazioni Gafi. In futuro, i soggetti saranno quindi sottoposti, oltre agli obblighi di due diligence e di verifica, anche all’obbligo di segnalazione delle transizioni sospette. Inoltre, gli obblighi saranno estesi a tutti i soggetti che forniscono servizi in relazione alla creazione, gestione o all’amministrazione di società e trust. Inizialmente, il governo non era intenzionato a introdurre l’obbligo di segnalazione, tuttavia la consultazione ha dato un ampio sostengo al meccanismo. Una volta inviata la segnalazione, i professionisti dovranno attendere 40 giorni per avere il via libera a completare l’operazione se non è stata ricevuta nessuna risposta. Uno dei problemi sollevati dal Gafi è quello della debolezza del sistema di vigilanza delle associazioni svizzere e il loro potenziale uso improprio per il finanziamento del terrorismo o riciclaggio di denaro.

Matteo Rizzi

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa