Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Svizzera-Cina, accordo con vista sull’Europa

Per Pechino, potrebbe rivelarsi la mossa del cavallo. Investire in Svizzera per raggiungere l’Unione europea. O almeno per mandare un segnale chiaro a Bruxelles. È questo uno degli obiettivi dell’accordo di libero scambio che Berna e Pechino hanno firmato a luglio e che entrerà in vigore l’anno prossimo.
Grazie all’intesa fra i due Paesi, sui beni svizzeri in uscita e su quelli cinesi in ingresso vengono abbattuti i dazi doganali, che oggi penalizzano soprattutto i prodotti del lusso, ma anche la farmaceutica e la meccanica. E questo è un dato di fatto. Ma che succede se un’azienda straniera si stabilisce in Svizzera e da qui esporta in Cina? O se un’impresa di Pechino investe a Berna e poi esporta in uno dei Paesi dell’Unione? Succede che, grazie all’accordo di libero scambio tra la Svizzera e la Ue del 1972, entrambe le imprese lo possono fare a dazio zero.
Ipotesi accademica? «La questione ha una sua logica», ammette Romeo Orlandi, presidente del comitato scientifico dell’Osservatorio Asia e docente di Economia dell’Asia orientale all’Università di Bologna. «A guadagnarci – prosegue il professore – potrebbero essere le imprese del lusso, italiane ed europee, che esportano verso la Cina. Ma anche i produttori di vino, presi di mira dalle autorità di Pechino come rappresaglia contro i dazi sui pannelli solari cinesi voluti dalla Ue». Anche Philippe Praz, direttore dello Swiss Business Hub Italia, è possibilista: «Finora le aziende italiane interessate a investire in Svizzera non hanno messo l’accordo Pechino-Berna tra le motivazioni che le spingono a farlo. Però è vero che una volta in Svizzera, un’azienda italiana avrà le stesse condizioni di un’impresa locale».
Aprire una filiale in Svizzera però non è abbastanza. L’accordo di libero scambio funziona se il prodotto può essere qualificato come “made in Switzerland”: non basta farlo transitare dai cantoni, occorre che lì venga rilavorato, per potere essere nazionalizzato come svizzero. Lo dicono le cosiddette rules of origin, le norme per stabilire l’origine di un prodotto. E qui vengono i primi problemi: «In media le normative internazionali prevedono che per essere qualificato come nazionale un prodotto debba aver acquisito in quel dato Paese più del 50%, spesso anche il 70%, del suo valore aggiunto», spiega Lucia Tajoli, che insegna Economia Internazionale al Mip Politecnico di Milano. Dunque etichettare una bottiglia in Svizzera non basta, per rendere un vino italiano made in Switzerland: «Ecco perché credo – prosegue – che la portata di questo accordo per i Paesi terzi sarà limitata».
La materia però è controversa: «Nell’era della globalizzazione – sostiene il professor Orlandi – chi può garantire la vera identità di un prodotto? Ad esempio, il 60% di tutte le merci in uscita dalla Cina, cioè quelle che noi consideriamo l’export cinese nel mondo, in realtà deriva da investimenti di multinazionali straniere».
Su una cosa, gli esperti concordano: se qualcuno è destinato a guadagnarci di più, da questa triangolazione, quella è la Cina. «Il rapporto è di uno a tre», esemplifica Romeo Orlandi: per ogni azienda italiana – o tedesca, o francese, il discorso vale per qualsiasi Paese Ue – che utilizzi la Svizzera come trampolino per la Cina, sono almeno tre le imprese di Pechino che utilizzeranno Berna come hub verso i membri della Ue. Gli fa eco Lucia Tajoli: «L’accordo di libero scambio facilita gli investimenti di Pechino in Svizzera: se dall’intesa le imprese elvetiche hanno da guadagnarci un immenso mercato per i loro prodotti di lusso, le aziende cinesi in cambio ricevono dalla Svizzera una porta d’accesso per i Paesi del Vecchio Continente». I giornali elvetici sono andati addirittura oltre: all’indomani della firma dell’intesa, si è parlato di Svizzera come della piattaforma finanziaria cinese in campo commerciale e degli investimenti diretti in Europa.
Il Canton Ticino diventerà “Canton Pechino”? È presto per dirlo. «Certo è che per la Cina l’accordo con la Svizzera ha un forte valore politico – conclude Orlandi – anche senza il consenso della Ue, Pechino mette indiscutibilmente un piede in Europa». Bruxelles è avvisata.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cdp ha appena celebrato il più grande matrimonio del 2020, quello che ha portato alle nozze Sia (4,...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Era nell’aria, adesso c’è la conferma ufficiale: l’Opa del Crédit Agricole Italia è «inatt...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Iccrea esce dal capitale di Satispay ma non abbandona il fintech. L'operazione, anzi, ha l'obiettivo...

Oggi sulla stampa