Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Suv, il superbollo non è per tutti

di Andrea Bongi

Niente superbollo per i veicoli storici e i Suv venduti prima del 6 luglio scorso. Non pagheranno la nuova addizionale nemmeno i soggetti che usufruiscono di un regime di esenzione o interruzione dal pagamento delle tasse automobilistiche. Per tutti gli altri possessori di veicoli con potenza superiore a 225 kilowatt, tutto pronto invece per il pagamento del super ticket introdotto dall'articolo 23, comma 7, del decreto legge n. 98/2011.

Tale disposizione prevede infatti l'applicazione di un'addizionale erariale alla tassa automobilistica, pari a 10 euro per ogni kilowatt di potenza del veicolo superiore ai 225, da versare alle Entrate del bilancio dello Stato.

A completare il quadro relativo al pagamento del nuovo super bollo grazie sono arrivati anche gli ultimi chiarimenti contenuti nella circolare n. 49/e diffusa nel pomeriggio di ieri dall'Agenzia delle entrate.

Il suddetto documento di prassi amministrativa completa infatti il panorama giuridico normativo già tracciato dal provvedimento del ministero dell'economia, emanato d'intesa con il direttore dell'Agenzia delle entrate il 7 ottobre 2011, con il quale sono state definite le modalità e i termini di pagamento dell'addizionale erariale e dalla risoluzione n. 101 del 20 ottobre scorso, con la quale sono stati istituti invece gli appositi codici tributo necessari per il versamento. La circolare di ieri ricorda come siano tenuti al pagamento dell'addizionale tutti coloro che alla data di entrata in vigore della disposizione di legge – 6 luglio 2011 – risultano «… proprietari, usufruttuari, acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria di autovetture e di autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone e cose con potenza superiore a 225 chilowatt». In linea generale, ricorda la circolare, il presupposto impositivo è costituito dall'iscrizione presso il pubblico registro automobilistico di tali veicoli a partire dal 6 luglio scorso. Trattandosi di una addizionale, il super bollo non si renderà dovuto in tutte quelle situazioni per le quali non è dovuta la tassa automobilistica quali, ad esempio, le fattispecie di esenzione disposte dall'articolo 17 dpr 5 febbraio 1953, n. 39 (Testo unico delle leggi sulle tasse automobilistiche) quali quelle a favore delle auto della presidenza della repubblica e quelle in dotazione ai corpi armati dello Stato. Fra le altre esenzioni dal pagamento del super bollo, ricorda la circolare in commento, figurano anche le auto classificate come «storiche» per le quali, anche se di potenza superiore ai 225 kilowatt, non sarà dunque dovuta alcuna maggiorazione. Quanto alle modalità e ai termini di pagamento la circolare in commento ricorda come di fatto le scadenze per il pagamento della nuova addizionale siano due. Una prima scadenza è fissata entro il prossimo 10 novembre e riguarda tutti i soggetti possessori dei veicoli aventi i requisiti richiesti alla data di entrata in vigore del dl 98/2010 ovvero al 6 luglio 2011.

La seconda scadenza, fissata invece al prossimo 31 gennaio 2012, riguarderà tutti i soggetti proprietari, usufruttuari, acquirenti con patto di riservato dominio, ovvero utilizzatori a titolo di locazione finanziaria di autovetture o di autoveicoli per il trasporto promiscuo di persone, immatricolati nel periodo compreso tra il 7 luglio e il 31 dicembre 2011.

Il documento di prassi in commento ricorda inoltre come nel caso di veicoli immatricolati fra il 7 luglio e il 31 dicembre 2011 successivamente oggetto di rivendita, l'addizionale dovrà essere pagata per intero dal primo proprietario. I pagamenti in oggetto dovranno essere effettuati tramite il modello di delega bancaria F24 –versamenti con elementi identificativi, utilizzando il codice tributo 3364 istituito dalla citata risoluzione n.101/2011, senza possibilità di operare compensazioni.

Dal prossimo anno infine l'addizionale dovrà essere pagata contestualmente al versamento delle tasse automobilistiche.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Come prevedevano alcuni un mese fa, allo spuntare della lista di Bluebell per il cda di Mediobanca, ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Google entra nel mirino dell’Autorità antitrust italiana che, prima in Europa, ieri ha aperto un ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le imprese e i committenti non saranno lasciati soli. Anche a chiarire la posizione di alcuni player...

Oggi sulla stampa