Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Superammortamenti «neutri»

Super-ammortamenti al 140% irrilevanti ai fini degli studi settore. Sì alla sanatoria delle delibere comunali su aliquote fiscali e tariffe arrivate in ritardo entro il 30 settembre 2015 (si veda pagina 8). Via libera al raddoppio a 16mila euro del tetto di spesa per il bonus mobili alle giovani coppie e intervento del Fondo di garanzia e assicurazione del notariato se il notaio non paga le imposte e tributi sugli atti registrati dai notai (si veda Norme e Tributi di oggi). Sono le poche novità di rilievo introdotte nella legge di stabilità dopo la notturna di mercoledì e l’intera giornata di ieri.
I lavori della Commissione Bilancio del Senato di ieri si sono consumati tra bocciature (la stabilizzazione della cedolare secca al 10% sugli affitti) e accantonamenti (la web tax) di emendamenti fino all’articolo 16 e riunioni della maggioranza, in cui sono stati ribaditi i termini entro cui sarà licenziata la stabilità da Palazzo Madama, ossia entro il 20 novembre prossimo per consegnarla all’esame della Camera. E in quell’occasione, è stato ribadito ieri al Senato, saranno affrontati i temi più delicati della stabilità dalla sanità alle regioni, dalle pensioni ai giochi fino al canone Rai nella bolletta elettrica.
Fumata nera ieri anche per il mini-pacchetto (sotto la decina) di nuovi emendamenti del Governo. In realtà si starebbe attendendo il cosiddetto decreto “salva-regioni” approvato la scorsa settimana come decreto a perdere da far confluire nella stabilità 2016. Casa e Sud saranno i temi su cui si concentreranno gli interventi di senatori e Governo a Palazzo Madama. Sulla casa l’obiettivo dei senatori resta quello di poter allargare il campo delle esenzioni da Tasi e Imu come per gli immobili in affitto a canone concordato, quelli concessi in comodato d’uso ai figli o gli Iacp. A definire i dettagli degli interventi saranno le risorse disponibili. Per il Sud, invece, si lavora a un mix di misure. Come ha spiegato il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta, «stiamo lavorando su un testo che il Governo presenterà qui al Senato in cui saranno raccolti gli emendamenti in tre direzioni: credito d’imposta, sgravi per le assunzioni, maggiorazione degli ammortamenti. Si tratterà – ha aggiunto Baretta – di mixare tra queste tre ipotesi tenendo conto delle risorse ma anche della misura più efficace per il Sud
Tra le proposte approvate nella notte di mercoledì scorso merita attenzione quella della capogruppo dei Conservatori e Riformisti Anna Cinzia Bonfrisco con cui i super-ammortamenti al 140% per le imprese che investono in macchinari non hanno effetti «sui valori attualmente stabiliti per l’elaborazione e il calcolo degli studi di settore».
Oggi le due relatrici Federica Chiavaroli (Ap) e Magda Zanoni (Pd) incontreranno le opposizioni. E su questo fronte va registrata la contro-manovra targata M5S presentata in conferenza stampa anche dalla vicepresidente della Bilancio al Senato, Barbara Lezzi. Tra le proposte per “riscrivere” la stabilità il reddito di cittadinanza, la compensazione dei crediti e dei debiti delle Pa, lo “scontrino vincente” per la lotta all’evasione Iva, l’aumento del Fondo Sanitario Nazionale e la stabilizzazione dell’ecobonus fino al 2020. Forza Italia, invece, riaccende il dibattito sulle concessioni demaniali che vorrebbe dire, secondo Maurizio Gasparri, “sdemanializzare” le spiagge «occupate da pertinenze e costruzioni regolarmente assentite destinate ad attività turistico ricreative», per dire così addio all’obbligo di gara europea per le concessioni.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’esordio di Andrea Orcel come ad di Unicredit, uscita con un utile trimestrale doppio rispetto al...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vittorio Colao, ministro per l’Innovazione tecnologica, non fa suo il progetto per una rete unica ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un blitz della Ragioneria generale dello Stato evita un "buco" di 24 miliardi nel decreto "Sostegni ...

Oggi sulla stampa