Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sull’evasione più armi al fisco

I gravi indizi rinvenuti nella documentazione extracontabile possono provare l’evasione fiscale. Non solo: sono utilizzabili i dati raccolti sul conto corrente bancario del figlio del contribuente accertato. Ridando nuovo vigore all’accertamento fiscale provato solo con presunzioni gravi, la Cassazione – sent. 4904 del 27/2/2013 – ha accolto due motivi di ricorso presentati dal fisco. L’importanza della sentenza sta nel fatto che l’evasione fiscale non necessita più di prova certa ma può essere dimostrata anche per presunzioni. Nel ricorso a Piazza Cavour l’amministrazione finanziaria ha chiesto se l’accertamento ex articolo 39, comma 1, lett. d, Dpr 600/73 possa fondarsi anche su elementi indiziari gravi, precisi e concordanti, senza che occorra la prova certa dell’evasione fiscale, con la conseguenza che la documentazione extracontabile, che costituisce indizio grave, preciso e concordante, ben possa fondare, unitamente ad altri, l’accertamento di maggiori ricavi. Ad avviso del collegio di legittimità il motivo è fondato: il giudice di merito, si legge in sentenza, non soltanto esclude che meri indizi possano costituire prove dell’evasione – ed è vero che, di per sé isolatamente considerati gli indizi non hanno tale valenza – ma altresì li reputa inutilizzabili, violando chiaramente le norme che ne consentono l’utilizzazione nella globalità del meccanismo presuntivo, legittimando appunto le presunzioni semplici, purché queste siano gravi, precise e concordanti (cioè dotate di inferenza probabilistica univoca). Altro motivo di ricorso fondato è quello sulle verifiche sul conto corrente cointestato con il figlio del contribuente. Il rapporto familiare è sufficiente a giustificare la riferibilità al contribuente accertato delle operazioni riscontrate. La presunzione legale si configura anche sulle provviste sui cui possono operare i familiari.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa