Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Sul cuneo si cercano risorse

Taglio al cuneo a due vie con bonus Aspi aggiuntivo. Per i lavoratori dipendenti ci sarà un aumento delle detrazioni Irpef con beneficio diretto nelle buste paghe, mentre per le imprese la riduzione passa per la defiscalizzazione “a regime” fino a 15mila euro dall’Irap per i neoassunti che varrà per tre anni. Cui si deve aggiungere un bonus “Aspi” al 100%: l’impresa che trasforma un contratto a termine in tempo indeterminato potrà beneficiare degli interi versamenti effettuati dell’aliquota aggiuntiva dell’1,4% e non più solo il 60% di essa. Scompare invece, almeno secondo l’ultima bozza, la decontribuzione Inail e per la malattia. Sulla carta si tratta di uno sconto ritenuto ancora insufficiente, non supererebbe i 2,5 miliardi di euro, di cui 1,6 per gli sgravi Irpef e 900 milioni per quelli Irap. Ma si starebbe lavorando per aumentare l’importo.
Nella rimodulazione delle detrazioni Irpef vengono incrementate le detrazioni per circa 16 milioni di contribuenti che dichiarano al fisco redditi da lavoro dipendente e assimilato tra 8.000 e 55.000 euro. L’aumento medio, a prescindere dalla formula finale che l’Economia deciderà di adottare per riscrivere la curva delle detrazioni, secondo le stime del Governo andrà da zero a 150 euro a testa.
A ben vedere l’effetto prodotto dalla rimodulazione produce proporzionalmente maggiori vantaggi fiscali per i soggetti che oggi dichiarano al fisco tra 15mila e 55mila euro. Infatti, la detrazione che si vuole aumentare a 1.840 nella sostanza è già prevista dal testo unico sulle imposte sui redditi per i redditi compresi tra 8.000 e 15.000 (1.338 cui si somma una detrazione di 502 euro in funzione inversa all’aumentare del reddito tra 8.000 a 15mila). Per capirci, se sarà confermata questa modifica, l’aumento della detrazione per chi dichiara 15mila euro sarà pari a 228 euro euro annui dati dalla differenza tra il nuovo tetto di 1.840, rapportato all’ammontare di reddito dichiarato (pari a 1.566), e il limite fino ad oggi indicato di 1.338 euro. Nel caso di redditi più bassi come ad esempio di 10mila euro annui l’aumento spettante sarà pari a 65 euro (la detrazione fino al 2013 era di 1.696 mentre con la nuova curva la detrazione passa a 1.762).
La maggiore detrazione spetta anche per i redditi assimilati al lavoro dipendente come potrebbero essere quelli degli amministratori di società, le borse di studio o i compensi percepiti dai soci lavoratori delle cooperative di produzione e lavoro.
Il taglio del cuneo per le imprese poggia, invece, sull’esclusione dall’Irap degli oneri per i neoassunti a tempo indeterminato. La misura è a regime e avrà valore dal 2014 e spetterà per il periodo d’imposta in cui è avvenuta l’assunzione e per i due successivi periodi d’imposta. Esclusa dal taglio del cuneo la Pa mentre non ci sarà distinzione tra aree svantaggiate o nuove assunzione in rosa.
Per ottenere il bonus Irap il numero dei dipendenti a tempo indeterminato dovrà essere superiore rispetto al numero dei lavoratori mediamente occupati con lo stesso contratto nel periodo d’imposta precedente. Le condizioni per beneficiare della defiscalizzazione Irap mirano soprattutto a evitare forme di elusione e in particolare nei comportamenti dei gruppi tra assunzioni e diminuzioni occupazionali che si potrebbero verificare in società controllate o collegate. In sostanza, a pena di decadenza, l’impresa dovrà rispettare due condizioni: che al termine del periodo d’imposta in cui c’è stata la nuova assunzione il numero degli occupati a tempo indeterminato dovrà essere superiore a quello dell’anno d’imposta precedente; nel corso del periodo d’imposta in cui arriva il nuovo assunto nessun altro soggetto del gruppo aziendale dovrà aver ridotto il numero delle unità occupate con lo stesso contratto di lavoro a tempo indeterminato. La defiscalizzazione Irap non è cumulabile con le altre agevolazioni Irap sulle nuove assunzioni come ad esempio le deduzioni forfettarie pari a 1.850 per ogni dipendente fino a un massimo di cinque. Mentre restano spendibili con le deduzioni progressive.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa