Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Successioni e volture catastali online Ecco come sarà «l’eredità 2.0»

Le rendite catastali in vigore oggi varranno almeno fino al 1° gennaio 2021. Lo si deduce dalla dichiarazione rilasciata ieri dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi a un convegno dell’Ordine romano degli architetti e degli ingegneri. Orlandi ha affermato che da quando vi sarà il via libera (il decreto di attuazione della delega fiscale atteso per lo scorso febbraio è slittato) serviranno cinque anni per arrivare a regime. E siccome le rendite varranno dall’anno successivo alla loro pubblicazione, prima del 2021 non si cambierà sistema.
Il nuovo catasto partirà dai valori di mercato degli immobili, mettendo fine alle clamorose sperequazioni presentate dall’attuale sistema. Per arrivare al risultato bisognerà vagliare, mediante l’individuazione di quotazioni e canoni in zone omogenee e l’applicazione di coefficienti in dipendenza delle caratteristiche del singolo immobile, oltre 62 milioni di unità. Un lavoro enorme e che si scontra con il rischio che i contribuenti accreditati di valori ritenuti elevati inondino le commissioni tributarie di ricorsi. E c’è un problema politico ancora maggiore: la promessa è che la riforma avverrà a «invarianza di gettito». Espressione vaga e che comunque non significa certo che si pagherà quanto prima: in una logica di redistribuzione più equa perché più correlata ai valori reali ci dovrebbe essere chi pagherà meno e chi di più.
Il problema è che l’invarianza può essere realizzata a livello comunale o a livello nazionale ed entrambe le soluzioni presentano problemi di non poco conto. Se si calcola l’invarianza a livello municipale — costringendo i Comuni con il maggior aumento delle rendite ad abbassare drasticamente le aliquote (e proprio questo parrebbe essere l’orientamento del legislatore) — capiterà ancora, come succede oggi, che tra due immobili del medesimo valore di mercato ubicati in due distinti Comuni gli importi da pagare risultino molto diversi, con buona pace delle promesse di equità. Se l’invarianza viene calcolata a livello nazionale, invece, ci saranno comuni che incasseranno più di oggi e altri meno. È facile immaginare che questi ultimi non ci staranno.
Importanti novità sono state preannunciate da Rossella Orlandi anche in materia di eredità. Entro quest’anno sarà possibile svolgere le pratiche inerenti la denuncia di successione e la voltura catastale direttamente online e in maniera semplificata, un aspetto quest’ultimo molto importante. Già oggi entrambe le denunce possono essere fatte dal contribuente senza l’assistenza di un professionista: quella di successione va presentata all’Agenzia delle Entrate con un modello cartaceo, mentre la voltura va fatta sempre su carta all’ufficio provinciale del Territorio. Gli ostacoli maggiori per chi vuole fare da sé, però, non sono tanto le code a due distinti sportelli ma la complessità degli adempimenti previsti e la mole di documenti da raccogliere.
Al notaio sarà obbligatorio ricorrere soltanto nei casi in cui lo è già oggi: quando c’è un testamento, che per avere valore legale va «pubblicato», e quando c’è da effettuare una ripartizione di beni tra eredi. Per esempio, se c’è un’eredita consistente in due case e gli eredi sono due fratelli per assegnare (con eventuale conguaglio in denaro) una casa all’uno e l’altra al secondo serve un atto notarile, senza il quale i due fratelli risulterebbero comproprietari di entrambe le case.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa