Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Su Mirafiori e Pomigliano lasciati soli»

di Raffaella Polato

BALOCCO (Vercelli) — A fare da sfondo, sulla pista di Balocco, la nuova gamma Jeep. È la prima presentazione europea. Ed è solo una coincidenza, ma per Sergio Marchionne cade benissimo: è tra una Wrangler, una Compass e una Grand Cherokee che può annunciare l’arrivo «a giorni» del prossimo 5%di Chrysler in Fiat. A quel punto il Lingotto avrà il 30%: ulteriore accelerata, con la seconda delle tre tranche «gratis» cui andrà aggiunto il 16%a pagamento («Le risorse le abbiamo in cassa» ), nella marcia verso il 51%di Auburn Hills. I modelli del marchio Usa allineati per i primi test drive servono, all’amministratore delegato dei due gruppi, a dimostrare «anche» che il matrimonio Torino-Detroit non è solo finanza: questo è soltanto un assaggio dei prodotti ormai comuni. Il che a Marchionne torna utile per mandare altri messaggi. Uno è di fatto un ultimatum (alla Fiom) sulla ex Bertone: «O si trova un accordo in pochi giorni o salta tutto» . Il secondo è una constatazione. Emma Marcegaglia, domenica, ha lanciato l’allarme: «Gli imprenditori non si sono mai sentiti così soli» . Si riferiva al governo, la presidente di Confindustria. E certamente il leader Fiat-Chrysler condivide il giudizio. Ma fa dei distinguo e in qualche modo lo allarga. Quando dice che «la battaglia per Pomigliano e Mirafiori», parla chiaro, ci hanno lasciati soli» , e poi sottolinea che «le difficoltà che stiamo incontrando riflettono una mancanza di coesione» , almeno un po’ ha in mente pure le organizzazione imprenditoriali. Non a caso cita il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi: «Ha fatto quello che poteva, il massimo in quelle condizioni: ha cercato di inquadrare il discorso nel modo giusto. In questo senso non siamo stati soli» . Cita, allo stesso modo, «una parte del sindacato: Raffaele Bonanni, Luigi Angeletti e altri hanno capito l’importanza della nostra mossa e ci sono stati vicini» . Lì, però, l’elenco si ferma. La Fiom è il primo bersaglio, certo. Tuttavia: «È il sistema che continua a costringere la Fiat a difendersi» . E per cosa? «Per il suo piano di investimenti nel Paese. Lo trovo strano, ridicolo, spero non succeda con altri investitori che vengono in Italia. Cerchiamo piuttosto di incoraggiarli» . Le parole suonano polemiche. Il tono non lo è: è semmai quello di qualcuno che ha un obiettivo da raggiungere e varie strade — lui le chiama «opzioni» — per arrivarci. Alcune sono già scritte: per il prossimo 5%di Chrysler «mancano solo pochi dettagli, potremmo chiudere anche domani » , il 51%sarà realtà «entro l’anno» . Altre sono un work in progress. E qui, se l’integrazione industriale procede, se Pomigliano accelera sull’uscita della nuova Panda e Mirafiori», è pronta per gli investimenti sul polo Alfa-Jeep, il resto del côté italiano dipenderà dalla cornice. Che è già tracciata, è quella degli accordi firmati con Fim-Uilm-Fismic-Ugl a Napoli e Torino. È dunque scontato l’avvertimento alla Fiom sulla ex Bertone. Lì i metalmeccanici Cgil hanno la maggioranza. Lì, il contratto ad hoc lo possono bocciare. «Ma non possiamo creare due "stati"in Fiat» , ripete Marchionne. Per cui giovedì, quando azienda e sindacati si incontreranno, la posizione non cambierà: o intesa «in linea con la politica industriale adottata a Pomigliano e Mirafiori» , oppure «salta tutto, io spero di poter sviluppare il sito ma i piani alternativi per la Maserati li abbiamo» . Il sindacato invoca il referendum? «Benissimo, anzi: così avremo idee chiare» . Di idee, però di ben altro tipo, Marchionne parla anche a proposito di Luca Cordero di Montezemolo. L’uomo che «in Ferrari ha fatto un lavoro incredibile, ha fatto miracoli» , è sempre più tentato dalla politica. Lui glielo sconsiglia: «Quando ne parliamo gli dico non farlo. Ma è una scelta di Luca» . Fondata, par di capire, nel caso: «Di idee» , appunto, «ne ha tante» .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Non deve essere stato facile occupare la poltrona più alta della Bce nell’anno della peggiore pes...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prelios Innovations e Ibl Banca (società attiva nel settore dei finanziamenti tramite cessione del ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La pandemia ha spinto le famiglie italiane a risparmiare di più. E questo perchè il lockdown e le ...

Oggi sulla stampa