Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Studi di settore, arma a doppio taglio

di Antonio Iorio

Maggiori benefici per chi si adeguerà agli studi di settore e compilerà correttamente il modello dei dati contabili ed extracontabili. Mano pesante del fisco, invece, con chi non lo farà. È quanto emerge dalle nuove norme contenute nell'articolo 10 del Dl 201/2011 (non interessate dal maxiemendamento alla Camera) che sembrano preannunciare una strategia double face nell'applicazione degli studi.
Questi ultimi assumono, certamente, una rinnovata centralità nel contrasto all'evasione (si veda l'articolo a lato), dopo che negli ultimi anni la giurisprudenza della Suprema corte ha censurato il comportamento dell'amministrazione che riteneva di poter applicare – in modo del tutto asettico nei confronti dei contribuenti – i risultati degli studi stessi.
Per valutare in concreto gli effettivi vantaggi del futuro adeguamento, sarà necessario, però, attendere i chiarimenti dell'amministrazione per comprendere quali errori commessi dal contribuente nel modello dei dati contabili ed extracontabili saranno tollerati, perché un'applicazione rigida della richiesta di correttezza nella compilazione potrebbe di fatto vanificare l'intera norma.
– Chi è congruo e coerente. La norma introduce dei benefici particolarmente interessanti per i contribuenti che dal periodo di imposta 2011 (quindi già dalle prossime dichiarazioni) risulteranno congrui e coerenti. Si tratta in particolare:
edell'impossibilità di eseguire le rettifiche analitico induttive (articolo 39, comma 1 lettera d), del Dpr 600/73);
rdella necessità di un maggiore disallineamento (1/3 invece di 1/5) tra dichiarato e calcolato dall'ufficio in ipotesi di accertamento sintetico;
tdella riduzione di un anno della decadenza dell'azione di accertamento (31 dicembre del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione rispetto all'ordinario quarto anno successivo).
– I rischi. Per fruire dei benefici, il contribuente deve aver regolarmente assolto agli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi. A tal proposito, però, è molto difficile, sia per la complessità delle richieste, sia per la scarsità di istruzioni, poter riportare correttamente questi dati: sarebbe auspicabile quindi che la perdita dei benefici scatti solo in presenza di infedeltà che in qualche modo influenzano i valori di coerenza e congruità e non in tutti gli altri casi in cui gli errori sono ininfluenti a tal fine. In altre parole, la norma non chiarisce quale sia l'esatta definizione di infedele compilazione del modello.
L'incognita maggiore, quindi, è che ogni inesattezza (per esempio, metri quadrati del luogo di attività o altri dati spesso irrilevanti ai fini della congruità e coerenza) possa portare a negare vantaggi in questione. Perciò, appare opportuno che l'Agenzia chiarisca questo aspetto che potrebbe compromettere l'intero impianto normativo.
– Chi non si adegua. Per coloro che non saranno congrui, ma verosimilmente coerenti, saranno svolti controlli, selezionati anche sulla base delle informazioni che perverranno dagli intermediari finanziari. In concreto verranno previsti piani di verifiche, articolate su tutto il territorio nazionale e basati su specifiche analisi di evasione, tenendo conto anche delle informazioni relative alle operazioni finanziarie presenti nell'apposita sezione dell'Anagrafe tributaria. Se invece il contribuente non sarà né congruo né coerente verranno svolte prioritariamente nei suoi confronti indagini finanziarie.
Se il contribuente non congruo e/o non coerente dovesse decidere di adeguarsi spontaneamente, potrà usufruire dei vantaggi da adeguamento e non rischierà di rientrare nelle predette attività di controllo.
Infine, nonostante l'evidente volontà di conferire agli studi di settore un ruolo centrale nel contrasto all'evasione, l'eventuale maggior valore emergente dall'applicazione dello studio non verrà più utilizzato come per il passato (comportamento censurato dalla giurisprudenza) un dato da contestare automaticamente al contribuente ma una fonte di innesco di controlli e delle indagini finanziarie.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È un falso dilemma» che la Bce abbia un solo mandato e la Federal Reserve due. Anche la Banca ce...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un intervento normativo finalizzato a favorire il rafforzamento patrimoniale delle società di capit...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scuola e lavori pubblici, settore residenziale e miglioramento delle norme in fatto di appalti, come...

Oggi sulla stampa