Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Studi di settore 2015, linee guida alla compilazione

In occasione della prossima scadenza prevista per il pagamento delle imposte derivanti dal Modello Unico 2015 molti contribuenti e professionisti si trovano alle prese con la compilazione degli studi di settore al fine di misurare la congruità, la coerenza e la normalità dei compensi/ricavi relativi al 2014 onde evitare il possibile contenzioso con l’Amministrazione finanziaria. In materia è d’obbligo ricordare alcune novità rispetto agli studi delle annualità precedenti con lo scopo di compilare i modelli correttamente ed ottenere la famosa schermata verde. Gli aspetti su cui focalizzare l’attenzione sono i seguenti:

a) distinzione tra studi «vecchi» e studi «nuovi»: le informazioni del quadro A relative al personale addetto all’attività sono diverse a seconda del tipo di studio (vecchio e nuovo); negli studi vecchi è prevista la compilazione del codice A 04 mentre negli studi nuovi i dati sono accorpati nel codice A 02;

b) compilazione quadro F dati contabili: nei modelli relativi agli studi «nuovi» scompare il rigo F15 e le informazioni sono accorpate nel rigo F14; il rigo F15 tuttavia continua ad esistere nella modulistica relativa agli studi «vecchi» nella voce «costo per la produzione dei servizi» vanno indicati i costi e le spese relativi a beni e servizi il cui sostenimento è indispensabile per l’esercizio dell’attività come ad esempio le spese per i carburanti e i lubrificanti sostenute dalle imprese di autotrasporto di cose per conto di terzi, dagli agenti e rappresentanti di commercio e dai titolari di licenza per l’esercizio taxi; le spese per l’appalto di trasporti commissionati a terzi dalle imprese di autotrasporto; le spese per l’acquisto dei prodotti utilizzati dai barbieri e dai parrucchieri per lo svolgimento della loro attività (ad esempio, per il lavaggio e la cura dei capelli, i costi sostenuti per l’acquisto di materiale elettrico dagli installatori di impianti elettrici);

c) quadro T: rispetto al 2014 viene data rilevanza al correttivo individuale e la riduzione può essere usufruita in presenza di contrazione dell’efficienza produttiva rispetto al triennio 2011-2013 e alla coerenza degli Ine rispetto al valore dei beni strumentali.

La compilazione corretta del quadro T risulta pertanto importante ai fini del calcolo di Gerico 2015 e nello specifico si riepilogano i seguenti aspetti:

1) imprese e correttivo: il nuovo quadro T-congiuntura economica, prevede l’indicazione su base triennale 2011-2013 dei ricavi dichiarati ai fini della congruità, dell’adeguamento agli studi, del numero dei dipendenti, dei collaboratori, degli associati, dei soci amministratori e non amministratori e dei dati della cassa integrazione (per alcuni studi occorre indicare anche il valore delle rimanenze iniziali e finali). Il correttivo si applica in presenza di aumento di personale o degli investimenti in beni strumentali in mancanza di adeguato aumento di fatturato o in presenza di contrazione degli stessi (deve essere presenza la coerenza Ine relativa ai beni strumentali);

2) professionisti e correttivi: è prevista la compilazione di righi specifici relativi al numero degli incarichi ove indicare la percentuale dei compensi percepiti nel 2014 relativi agli incarichi iniziati e completati in tale anno; inoltre occorre compilare i dati relativi ai compensi dichiarati ai fini della congruità, al maggiore adeguamento derivante dagli studi, al valore dei beni strumentali, ai dati relativi ai dipendenti/collaboratori e alle ore e settimane dedicate all’attività lavorativa.

Infine è utile ricordare che ai fini della compilazione del quadro T i contribuenti che in una o più annualità del triennio 2011-2013 hanno applicato il regime «ordinario» e che nell’annualità precedente adottavano il regime dei minimi o il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità non va tenuto conto del principio di cassa con la conseguenza che i dati sono da indicare secondo il criterio normale.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa