Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Studi con invito telematico

Nuova modalità di trasmissione dati per gli studi di settore. Questa potrà essere fatta tramite la sola ricevuta di Unico, evitando così, di incorrere in sanzioni. L’obiettivo è quello di ottenere la massima efficienza, nel minor tempo possibile. Il nuovo invito infatti, permetterà al contribuente di trasmettere, nel caso in cui fosse stato tenuto a farlo, ma non l’avesse fatto, il modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, senza incorrere in sanzioni. Questo è quanto previsto nel provvedimento di ieri del direttore dell’Agenzia delle entrate, Attilio Befera. Da oggi, il contribuente, nel testo delle ricevute di avvenuta presentazione del modello Unico di professionisti e imprenditori, troverà posto uno specifico invito, rivolto alla trasmissione dei dati rilevanti per l’applicazione degli studi di settore. L’invito telematico è stato concepito per una platea composita di contribuenti. I soggetti interessati infatti, sono tutti coloro che dichiarano redditi derivanti da una attività d’impresa o di lavoro autonomo, per cui risulta approvato uno studio di settore e che, in sede di dichiarazione, non hanno presentato il relativo modello di comunicazione dei dati. Il tutto pur non avendo indicato una causa di esclusione dalla presentazione dello stesso. L’online pensiona quindi l’alert postale. Il nuovo invito in formato telematico, sostituirà di fatto l’alert, più tradizionale, recapitato tramite il servizio postale. In base a quanto previsto nel provvedimento, quindi, questa nuova modalità di comunicazione consentirà al contribuente, di porre facilmente rimedio alle proprie eventuali mancanze, senza incorrere nelle sanzioni previste dall’art. 23, comma 28, let. b), e), f), g) del dl 98/2011, recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. Il contenuto interesserà le dichiarazioni dei redditi, modello Unico, relative al periodo d’imposta 2012. Le novità introdotte dal nuovo provvedimento, modificano il precedente, risalente al 31 luglio 1998.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa