Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Strumenti finanziari, segnalazioni sempre dovute a Banca d’Italia

Obbligo per i soggetti che emettono od offrono strumenti finanziari di inviare alla Banca d’Italia segnalazioni periodiche, a carattere consuntivo, riguardanti gli strumenti emessi in Italia, o all’estero da soggetti italiani, a prescindere dalla circostanza che sia o meno richiesto un prospetto informativo. È quanto previsto dalle nuove disposizioni emanate, il 25 agosto scorso, dalla Banca d’Italia, in attuazione dell’art.129 del Testo Unico Bancario, in materia di segnalazioni a carattere consuntivo relative all’emissione e all’offerta di strumenti finanziari. Le nuove disposizioni di vigilanza si applicano: a) ai soggetti, residenti e non residenti, che emettono, offrono o collocano in Italia strumenti finanziari, anche di diritto estero; b) soggetti residenti, anche di natura pubblica, che emettono, offrono o collocano strumenti finanziari all’estero; c) soggetti vigilati capogruppo residenti, con riferimento agli strumenti finanziari emessi, offerti o collocati in Italia da soggetti non residenti appartenenti al gruppo. Con riguardo al contenuto della segnalazione, il documento prevede che alla banca d’Italia siano trasmesse informazioni di carattere qualitativo relative allo strumento finanziario, al suo emittente e a eventuali garanti e capogruppo nonché informazioni di carattere quantitativo sullo strumento finanziario quali ad esempio i dati relativi all’importo collocato sul mercato, al numero di strumenti in circolazione e i dati relativi ai rimborsi anticipati. Le segnalazioni informative sono state definite dalla Banca d’Italia tenendo presente che la medesima, in qualità di soggetto preposto alla codifica degli strumenti finanziari italiani di nuova emissione (National numbering agency, Nna), riceve informazioni in sede di attribuzione dei codici International securities identification number (Isin) e Classification of financial instruments (Cfi) alle nuove emissioni di strumenti finanziari.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa